Sì ai motorini di sera in piazza Pitti

L’assessore Mattei sta mettendo a punto le modifiche in vista della prossima giunta con estensione delle fasce orarie per i residenti


PEDONALIZZAZIONI — Sì alla possibilità per i motorini di circolare in piazza Pitti la notte, estensione delle fasce di ingresso per i residenti, cambio di alcuni sensi di marcia per fluidificare il traffico, installazione di nuove porte telematiche. Queste alcune delle modifiche alle recenti pedonalizzazioni fiorentine alle quali sta lavorando l’assessore alla mobilità Massimo Mattei e che sono state messe a punto ieri durante una riunione tecnica. L’obiettivo è di portarle in approvazione nella prossima riunione di giunta, prevista la prossima settimana.

“Le recenti pedonalizzazioni di piazza Pitti e via Tornabuoni - dichiara Mattei - sono state una scommessa vinta: i cittadini si sono presto abituati alle novità e hanno capito che le intenzioni dell’amministrazione non vogliono penalizzare la residenza in centro ma migliorarla. Non di meno, in queste settimane di rodaggio abbiamo verificato sul campo le criticità, incontrando anche i residenti, e stiamo apportando un piano di modifiche”.

Secondo quanto ipotizzato, si apre alla possibilità che i motorini possano circolare in piazza Pitti e via Guicciardini dalle 21 alle 9 del mattino, fino a quando - la data è ancora da definire - nelle aree pedonali e lungarno Acciaioli si potrà circolare solo con motorini elettrici. Questa ‘apertura’ notturna varrà anche per i residenti della zona A+, che in questo modo potranno andare al lavoro o portare i figli a scuola verso San Niccolò anche in auto senza passare dal viale dei colli. In generale, per i residenti nelle zone pedonalizzate dell’Oltrarno, sarà estesa la fascia di ingresso, con orari ancora da definire. La ztl A+ sarà poi estesa alle Coste. Si prevede poi il cambio del senso di marcia di via de’ Coverelli (nel tratto tra lungarno Guicciardini e via di Santo Spirito), per snellire il traffico in piazza Frescobaldi evitando che i veicoli provenienti da via Maggio e Borgo San Iacopo si immettano direttamente in via di Santo Spirito. In questo modo viene semplificato l’incrocio in piazzetta Frescobaldi e si agevola anche l’accesso in via dello Sprone perché i veicoli che provengono da via Maggio faranno un piccolo anello (lungarno Guicciardini- Coverelli-via di Santo Spirito) ed entreranno in via dello Sprone evitando manovre difficili, ovvero una svolta a gomito.
Cambierà il senso di marcia anche in via dei Michelozzi (nel tratto tra via Maggio e piazza Santo Spirito), per consentire a chi viene da via Maggio, svoltando subito, di immettersi in Borgo Tegolaio senza dover necessariamente arrivare a piazza Frescobaldi. Prevista inoltre l’installazione di una porta telematica in via dello Sprone, subito dopo via Toscanella, per ridurre l’accesso di auto e motorini che tentano di attraversare l’area pedonale in modo non consentito. Altre porte telematiche sono previste in piazza San Felice, lungarno Diaz, e via dei Bardi. Per quanto riguarda via Tornabuoni, l’intenzione è quella di affrettare la riapertura di via del Moro, così da non sovraccaricare via della Spada. Si prevede anche la possibilità, previo permesso rilasciato dai check point, che i pullman turistici possano portare i turisti fino agli alberghi. Infine, si prevede l’eliminazione di posti auto riservati al Comune in piazza Mentana - una quindicina - dove potranno parcheggiare quindi anche i residenti. Accorgimenti per favorire la sosta dei residenti saranno presi anche per piazza dei Giudici. (edl)

Redazione Nove da Firenze