L’esodo estivo si avvicina, aumentano i timori per gli automobilisti fiorentini

Automobilisti che lamentano scarsi controlli su strade ed autostrade. Accorgimenti prima di un viaggio in auto: compagnia e soste frequenti per combattere il sonno.


SICUREZZA STRADALE —
Dipinti spesso come poco attenti e allergici alle regole, gli automobilisti non ci stanno, anzi passano al contrattacco e, alla vigilia di un momento di particolare rischio per chi guida come quello estivo,quelli fiorentini lamentano scarsi controlli su strade ed autostrade da parte delle forze dell’ordine. Il periodo luglio-agosto è, dati alla mano, quello più rischioso dell’anno: ad esempio il bimestre luglio-agosto 2010 ha registrato un numero decisamente più elevato di decessi (+18%) e di feriti (+33%) rispetto al periodo febbraio-marzo dello stesso anno (fonte: Polizia di Stato).

Dall’Osservatorio sui Servizi di Linear Assicurazioni, la compagnia on line del gruppo Unipol, condotto attraverso una ricerca commissionata all’istituto Nextplora, emerge che solo il 15% degli automobilisti fiorentini ritiene che i controlli sulle strade del nostro Paese siano sufficienti (il 19% degli uomini). Quasi due terzi del campione (60%), infatti, li ritiene insufficienti e un 15% pensa che i pattugliamenti siano decisamente scarsi. Un ulteriore 10% degli intervistati crede infine che l’opera di controllo della polizia sia accettabile solo nel fine settimana.

Una percezione nel complesso decisamente negativa, proiettata in un periodo che genera ansia e preoccupazioni ma che deve essere tuttavia inquadrata in un trend positivo: dal 2007 al 2010, infatti, gli incidenti registrati nel bimestre luglio-agosto sono diminuiti del 21% (15.404 nel 2007, 12.175 nel 2010) e i decessi addirittura del 30% (da 336 a 235) (fonte Polizia di Stato).

Un trend positivo che potrebbe anche dipendere da una maggiore responsabilità alla guida da parte degli automobilisti. In effetti, la ricerca Linear evidenzia come diversi siano gli accorgimenti utilizzati dai fiorentini per mettersi al volante nelle migliori condizioni.

Il 39% del campione dichiara infatti di ridurre gli alcolici nelle ore che precedono un viaggio, in particolare gli uomini. Il 26% degli intervistati gigliati preferisce mettersi al volante particolarmente riposato e per questo afferma di andare a dormire prima del solito così come il 19% preferisce non assumere medicinali, temendo che possano favorire poi il sonno alla guida. Solo il 10% del campione dichiara di non prestare attenzione a nessun particolare accorgimento.

E una volta partiti? Il 33% degli automobilisti fiorentini, quando si affronta un lungo viaggio, preferisce fermarsi ogni due ore per sgranchirsi un po’ (in particolare il 42% degli uomini) mentre il 38% cerca di non viaggiare mai da solo per poter aver un cambio alla guida: un accorgimento particolarmente gradito ad una fiorentina su due.

Ma cosa si fa quando, pur tra mille attenzioni, la stanchezza arriva? Detto che fermarsi a bere un caffè resta sempre un’opzione gradita (38%), la maggioranza degli intervistati (42%) preferisce sospendere il viaggio alla prima area di sosta e schiacciare un pisolino.

Gli automobilisti virtuosi e responsabili, dunque, ci sono e per una volta è forse giusto dare loro lo spazio che meritano.

(www.linear.it)

Redazione Nove da Firenze