Ryoji Ikeda in concerto a Firenze

Una rara opportunità di ascoltare uno dei leader mondiali del suono concettuale, assai conosciuto per il suo lavoro di esplorazione della dimensione astratta della musica elettronica.


MUSICA — Questo venerdì 15 ottobre, dalle ore 21:30, al Teatro della Pergola si esibirà in concerto Ryoji Ikeda.

Una rara opportunità di ascoltare uno dei leader mondiali del suono concettuale, assai conosciuto per il suo lavoro di esplorazione della dimensione astratta della musica elettronica. La sfida musicale di Ikeda pone l’enfasi su territori audiovisivi assai complessi, verso un’espressione artistica che, partendo da materiali elementari della computer music, si aggancia a una fascinazione tutta digitale integrando in un’unica struttura formale i suoni, le immagini e i dati.

Per la prima volta a Firenze Ryoji Ikeda, alfiere di un nuovo mondo artistico in cui la ricerca musicale è combinata ad un uso totalmente originale del video. Ricorrendo a nuove tecnologie come la proiezione DLP (Digital Light Processing), la stessa usata nel nuovo cinema digitale e 3D, Ikeda propone un’esperienza coinvolgente, affascinante e unica. La creazione di immagini e suoni prenderà vita in diretta, su un mega schermo nello splendido Teatro della Pergola di Firenze, lasciando gli spettatori sbalorditi.

Ikeda presenterà "Datamatics [ver.2.0]", il più recente capitolo audiovisivo della serie Datamatics, un progetto che esplora il potenziale di percezione della multi-essenza invisibile di dati e numeri che permeano il nostro mondo. Usando semplici dati numerici come fonti per suoni e immagini, Datamatics mette insieme contenuti astratti e realistici, combinando tempo e spazio in un’opera potente che mozza il fiato.

Il giapponese Ryoji Ikeda, una delle personalità più influenti nella scena contemporanea, opera tra video arte e musica elettronica. Il suo lavoro parte da un’esplorazione sonora che si focalizza su frequenze ai limiti dell’udibile e ultrasuoni e si concentra sul creare una forma visiva e sonora che parte da metodi matematici, svelando proprietà fisiche di suoni e immagini che così si rivelano alla percezione umana. Nato a Gifu nel 1966, dal 1995 Ikeda è attivo con concerti, installazioni e registrazioni che lo hanno segnalato tra i compositori più radicali e innovativi. I suoi dischi +/- (Touch 1996), 0° C (Touch 1998) e Matrix (Touch 2000) sono opere pioneristiche nell’esplorazione di sonorità minimali come il rumore bianco, onde sinusoidali e suoni elettronici. Le sue installazioni sono state ospitate nei più prestigiosi centri e musei d'arte contemporanea, così come nelle strade e negli aeroporti in Giappone, in Europa e negli Stati Uniti, ed hanno visto Ikeda operare con diversi mezzi, video, musica, luci, in creazioni di impatto straordinario. Ikeda vanta inoltre numerose collaborazioni, come quella di rilievo con il collega Carsten Nicolai, attivo come musicista elettronico con lo pseudonimo di Alva Noto.

Biglietti: posto unico - interi 15 euro (esclusa prevendita) - ridotti 12 euro (liste Musicus).
Prevendite: Box Office - telefono 055.210804 - www.boxol.it.

Redazione Nove da Firenze