Per la Toscana un portale del turismo più social

Da oggi la Toscana ha un portale unico del turismo rinnovato e più social, per consolidare la sua posizione di terza piattaforma turistica europea più visitata dai navigatori. Sono stati ben 290.000 i visitatori unici nel mesi di aprile.


Da oggi la Toscana ha un portale unico del turismo rinnovato e più social, per consolidare la sua posizione di terza piattaforma turistica europea più visitata dai navigatori. Ha dunque una nuova veste www.turismo.intoscana.it il sito che vanta 290.000 visitatori unici in un mese, con un'età media tra i 25 e i 54 anni e un tempo di permanenza di 4 minuti e 30 secondi.

"Il mondo del web cambia rapidamente – spiega l'assessore regionale al turismo, Cristina Scaletti – e noi abbiamo studiato la rete per proporre un portale giovane, meno scritto e più visivo, con tante più foto e video, completamente georeferenziato, cioè in grado di mostrare dove si trova ciò su cui si sta cliccando, ma soprattutto interattivo e molto orientato al dialogo con i social network, da cui provengono quattro su dieci dei nostri visitatori".

Tra i nuovi servizi che il sito propone figurano la Vvc (Voglio vivere così) Card, caricabile sul proprio cellulare e in grado di fornire informazioni su tutta la Toscana, dagli eventi, al meteo, alle guide, e la Tuscany plus, cioè la realtà aumentata che trasforma l'iPhone in una vera e propria guida tascabile alla ristorazione e all'accoglienza, ma anche ai monumenti di ogni parte della regione.

"A settembre il sito offrirà un servizio in più – annuncia l'assessore Scaletti – cioè la possibilità di prenotare, direttamente e a costo zero, alberghi e strutture in ogni provincia della Toscana, e di effettuare il pagamento online con la propria carta di credito. Siamo sicuri che questo aumenterà l'attrattività del portale e ci permetterà di superare la soglia dei 300.000 visitatori unici mensili, avvicinandoci a Parigi che occupa la seconda piazza europea".

Intanto da domani scatta l'operazione “Welcome in Tuscany - Benvenuti in Toscana” che andrà avanti fino alla fine di ottobre, con totem informativi e video nelle quattro principali strutture di arrivo dei turisti in Toscana: gli aeroporti di Pisa e Firenze, il porto di Livorno e la stazione ferroviaria di Firenze, oltre che presso i caselli autostradali intorno a Firenze. I passeggeri saranno invitati a prendere un depliant bilingue, stampato in 600.000 copie, che contiene notizie sui trasporti, sugli sportelli di informazione turistica e i numeri utili per l'assistenza sanitaria e per contattare le forze dell'ordine. Grazie alla tecnologia bluetooth i turisti in arrivo all’aeroporto di Pisa riceveranno il “Benvenuti in Toscana” e le informazioni anche tramite il loro cellulare.

Il portale unico del turismo in Toscana è in continua evoluzione e ad oggi contiene oltre 4.000 schede sulle località, segnala ogni giorno circa 300 eventi culturali, musicali e gastronomici, permette di vedere alcune centinaia di video sulla Toscana e di cliccare su migliaia di foto, in gran parte realizzate da fotoamatori per illustrare ogni angolo di una regione famosa nel mondo, che ogni anno accoglie oltre 11,5 milioni di visitatori provenienti da ogni continente, cioè oltre tre volte i suoi abitanti.

Dall’1 settembre parte l’e-booking
Partita ad inizio 2009 la campagna “Voglio vivere così! In Toscana” è alla base degli straordinari risultati raggiunti dal portale del turismo toscano. Il vecchio sito del turismo aveva 4.000 visitatori unici al mese e un tempo medio di permanenza di soli 30 secondi. Con il nuovo messo in rete nel febbraio 2009, sono saliti a 60.000. Ma è con l’avvio della promozione del portale, nel novembre dell'anno scorso, che è iniziata una crescita esponenziale fino a toccare nell’aprile scorso i 290.000 visitatori unici, con un tempo di permanenza medio di 4 minuti e 30 secondi. Un successo che è merito della campagna, della Fondazione Sistema Toscana che lo ha progettato, sviluppato, ne ha curato il rinnovo e che continua ad occuparsi della sua gestione, grazie ad una vera e propria redazione giornalistica. Toscana Promozione segue invece la parte off-line della campagna. Il lavoro è stato completato dal contributo delle Province, delle Apt e degli operatori del settore turistico.

Con il nuovo portale prima di tutto l’e-booking. E’ la possibilità di prenotare e pagare online il proprio soggiorno in Toscana la chiave di volta per far compiere al portale un ulteriore salto di qualità. Ogni gestore delle circa 12.000 strutture ricettive (alberghi, residence, agriturismi, campeggi, bed&breakfast, eccetera) ha da oggi la possibilità di inserire gratuitamente e direttamente sul sito la propria offerta, tramite una password, specificando caratteristiche, prezzi, servizi e offerte dell’azienda che gestisce. Poi, dall’1 settembre prossimo, anche i visitatori del sito avranno l’accesso alle prenotazioni da ogni parte del mondo.

Social friends
Il portale ha tanti amici. Molti di questi sono suoi affezionati frequentatori e lo rimarranno anche dopo la fine della campagna promozionale, prevista nell’inverno 2011. Sono gli animatori dei social network, da Facebook a Twitter, passando per YouTube e Linkedin.

I navigatori di oggi… Quelli che arrivano al portale tramite i social network rappresentano oggi per il portale del turismo circa 4 contatti su 10. I navigatori provengono per il 41% dall’Italia. Seguono la Germania con l’8,5% e la Spagna con il 7,3%. In testa agli extraeuropei c’è l’India con il 6,8% a pari merito con gli Stati Uniti. I cinesi sono il 5,4% come gli inglesi, seguiti dai francesi (4,9%), dai canadesi (2,1%) e dagli olandesi (1,2%).

…e quelli di domani. Il portale rinnovato utilizza tecnologie che permettono agli utenti di condividere sui social network contenuti e commenti ispirati dal sito del turismo toscano. Su “la Toscana vista dai viaggiatori” saranno i visitatori stessi a raccontare le loro esperienze di viaggio, lasciare commenti, inserire foto e video e creare vere e proprie guide dal basso. www.turismo.intoscana.it diventerà così un sito ancora più social friendly.

Tuscany plus
La realtà aumentata, scaricabile dal sito e visibile sull’iPhone, permette di ottenere informazioni sui luoghi che si stanno visitando: dagli alberghi, ai ristoranti, al monumento che si sta osservando, ai percorsi più brevi per raggiungere le destinazioni volute. Nel primo mese l’applicazione è stata scaricata circa 5.000 volte.

VVC Card
La Voglio Vivere Così card è un’altra delle applicazioni che chiunque può scaricare dal portale del turismo sul proprio cellulare. Permette di avere informazioni sugli eventi, sulle condizioni meteo e una guida telematica per conoscere le varie località della Toscana e le opportunità che offrono.

Nel portale tra personal shoppers, pipistrelli e grotte da record
Navigando su www.turismo.intoscana.it oltre a quella più nota incontri anche la Toscana che non ti aspetti. Tra le sorprese ci sono alcune delle proposte del turismo underground, come la possibilità di andare a trovare i pipistrelli a casa loro, cioè nella grotta del Sassocolato a Castellazzara (Grosseto), oppure di scendere nell’abisso “Paolo Roversi” che con i suoi 1.249 metri è la grotta più profonda d’Italia. Chi invece non ama l’avventura e dispone di un po’ di denaro, può prenotare un “personal shopper” ovvero un esperto in grado di accompagnarlo a fare acquisti nei negozi più trendy o negli outlet più forniti, elargendo consigli su look e tendenze.

Se gli evangelisti sono 15
Oltre che dal giornal iero lavoro della redazione di Fondazione Sistema Toscana, una parte del successo del portale passa anche attraverso di loro. Sono i 15 “evangelisti”, del social media team del portale, giovani esperti informatici e plurilingue in grado di presidiare i social network (ne tengono sott'occhio ben 49) e di parlare e far parlare della Toscana, raccontando esperienze di viaggio, fornendo suggerimenti, segnalando siti interessanti. Dal novembre scorso hanno inserito in rete circa 10.000 contenuti (articoli, diari, suggestioni) scatenando oltre 30.000 reazioni da parte dei frequentatori. E' la buona novella toscana alla maniera del XXI secolo.

di Tiziano Carradori

Redazione Nove da Firenze