Un documentario sul calcio storico fiorentino in onda in TV

Il film di Luigi Maria Perotti e Rovero Impiglia andrà in onda su FX mercoledì 14 luglio alle 23 ed in replica il 16 luglio a mezzanotte e alle 14 e 20


“Quanto sai di te stesso se non ti sei mai battuto?” Con questa frase, pronunciata da Tyler Durden, il protagonista del film FIGHT CLUB si apre il film documentario sul calcio storico fiorentino diretto da Luigi Maria Perotti e Rovero Impiglia, prodotto dalla Stamen Film. La pratica di uno sport durissimo, con pochissime regole diventa il mezzo per raccontare la vita di quattro uomini disposti a vincere le loro paure e a superare i loro limiti per essere eroi almeno per un giorno. Florence Fight Club è un viaggio ci porta dalla quotidianità del XXI secolo ad un'arena fuori dal tempo. Il Calcio fiorentino, uno dei più antichi fight club della storia, quasi privo di regole e praticato per secoli da artisti, nobili e papi deriva dall'arpastum, lo sport che i legionari romani praticavano per prepararsi alla battaglia, che a sua volta può essere considerato l'antenato di calcio, rugby e football americano.

Una volta all'anno, i quattro quartieri di Firenze si incontrano in un'arena costruita all'interna della magnifica cornice di Piazza Santa Croce per sfidarsi in una competizione che non è uguali nel mondo per durezza e spettacolarità. Lo scopo del gioco è portare la palla aldilà della linea difesa dell'avversario. Per far questo, i giocatori (definiti calcianti) possono toccare la palla con ogni parte del corpo, ma allo stesso tempo, possono essere stoppati in ogni modo.

Questa caratteristica fa si che solo persone dotate di temperamento siano in grado di praticarlo.

Le storie raccontate si riferiscono all'edizione del 2008 e hanno come sfondo le vicissitudini che che il calcio storico sta attraversando tra tradizione centenaria. Il film documentario dura 82 minuti ed è stato prodotto in coproduzione con la televisione tedesca Wdr ed ha ricevuto il sostegno Media per lo sviluppo.

Florence Fight Club arriva sugli schermi italiani dopo aver partecipato al Krakow Film Festival, al Circeo Film Festival e da ultimo al Los Angeles All Sport Film Festival, ricevendo un discreto successo di pubblico e critica.

Redazione Nove da Firenze