Cinema, La banda del Brasiliano approda a Firenze

La Banda del Brasiliano è il frutto della passione e del lavoro collettivo delle persone che fanno parte della John Snellinberg Film


IL FILM CHE È COSTATO SOLO 2000 EURO — La Banda del Brasiliano è il frutto della passione e del lavoro collettivo delle persone che fanno parte della John Snellinberg Film: una manciata di professionisti nel campo cinematografico e audiovisivo e un folto gruppo di appassionati hanno lavorato insieme per realizzare questo lungometraggio autoprodotto ambientato a Prato. Un budget limitatissimo (2000 euro in tutto) è stato controbilanciato da uno straordinario impegno volontario collettivo e uno spiccato spirito di collaborazione. La combinazione tra l'entusiasmo spontaneo di chi lavora per passione e la determinazione a fare le cose decisamente sul serio ha colpito Carlo Monni, che ha accettato con convinzione di interpretare uno dei protagonisti. La colonna sonora, quasi interamente originale, conta sull'amichevole contributo di nomi importanti nel panorama nazionale come Calibro 35, Sam Paglia, Enri – i cd sono stampati e distribuiti dalla Escalation.

La Banda del Brasiliano è prima di tutto un omaggio al cinema poliziottesco italiano degli anni Settanta, all'opera di registi del periodo come Di Leo, Castellari, Lenzi, che con un linguaggio brutale e crudo raccontavano la rabbia, i conflitti sociali e le inquietudini di un decennio violento.
L'omaggio non è però semplice imitazione o esercizio di stile. John Snellinberg ha voluto raccontare le tensioni che oggi attraversano l'Italia, quelle di una società soffocata dalla crisi economica e avvelenata da un latente conflitto generazionale, facendo proprio lo stile e il linguaggio di quel cinema di genere, ma la sfida è stata quella di costruire, attorno a uno scheletro di poliziesco punteggiato di citazioni, una commedia in chiave ironica e paradossale.

Alcuni trentenni compiono un rapimento di cui nessuno si spiega il perché. Mentre l'ispettore Brozzi (Carlo Monni) e il suo assistente Vannini (Luke Tahiti) cercano di far luce sul caso, si capisce che i ragazzi senza saperlo sono finiti in un gioco più grande di loro.
La Banda del Brasiliano è la storia assurda, buffa e disperata di un gruppo di giovani che provano a dare una forma alla loro rabbia, di uno scontro violento tra padri e figli che non riescono a capirsi. Uno sguardo disilluso e beffardo, impietoso e malinconico sui problemi dell'Italia di oggi e sull'incapacità di agire concretamente per risolverli.

La banda del brasiliano verrà proiettato :
Cinema Spazio Uno, Via del Sole, 10 Firenze
Orario spettacoli:
ore 20.40 primo spettacolo
aore 22.30 secondo spettacolo

Sabato 6 Febbraio, F.A.F. , Florence Art Factory, Via Righi 28/30 all'Osmannoro (Sesto fiorentino, Fi)
Apertura ore 22.00
ore 22.30 : proiezione del corto : 'Gioventù, Droga e Violenza: la polizia interviene'.
ore 23.00: proiezione del film ' La banda del brasiliano'.

Venerdì 12 Febbraio, Cineteca di Firenze, Via Reginaldo Giuliani, 374 Firenze
Orario spettacoli:
ore 21.30 spettacolo unico

La banda del Brasiliano (A Summer of Rage)

Un film scritto, prodotto e diretto dal collettivo John Snellinberg, Soggetto: Sara del Santo, Patrizio Gioffredi, Sceneggiatura: Patrizio Gioffredi, Lorenzo Orlandini, Fotografia: Duccio Burberi, Gabrio Contino, Suono: Alessio Pepi, Segretaria di edizione: Elisa Baldini, Aiuto regia:Lorenzo Orlandini Assistenti alla regia: Sara del Santo, Simone Cinelli, Elisa Baldini.
Con Carlo Monni, Luke Tahiti, Alberto Innocenti, Luca Spanò, Gabriele Pini, Luigi Milo, Massimo Blaco, Stefano Tombelli, Emanuele Trifone, Alessio Fini, Angelo Formichella, Emilio Bigoni, Alessandro Guariento, Ferruccio Fioravanti, Leonardo Giannetti, Valentina Cesarini, Elisabetta Salvatori.

Redazione Nove da Firenze