Mercatone Uno, presidio per il lavoro

Alcuni lavoratori di Mercatone Uno (foto Cgil)

La società che un anno fa aveva acquisito 55 punti vendita, tra cui quello di Calenzano, è fallita. Vangi (Cgil): "Presto un confronto con il ministero"


Firenze - Allarme per i lavoratori della Mercatone Uno. Shernon Holding, che circa un anno fa aveva acquisito 55 punti vendita del marchio, e che circa un mese fa aveva chiesto l'ammissione al concordato preventivo, è stata infatti dichiarata fallita dal tribunale di Milano. Lavoratori e punti vendita saranno riassorbiti dall'amministrazione straordinaria.

I lavoratori questa mattina hanno trovato i punti vendita chiusi in tutta Italia: così anche al punto vendita di Calenzano (che conta circa 30 addetti), dove i lavoratori e le lavoratrici hanno messo su un presidio. “Una situazione grave e inaccettabile, su cui in tanti hanno responsabilità. I lavoratori hanno fatto negli ultimi mesi anche grossi sacrifici e sarebbe gravissimo se adesso li pagassero anche in eventuali ammortizzatori sociali: su questo ci batteremo nel dialogo con l'amministrazione. Sulla vertenza ora serve un confronto col Ministero dello Sviluppo economico, vanno tutelati lavoratori e marchio. Lunedì 27 maggio davanti al punto vendita di Calenzano ci sarà un presidio di lavoratori e lavoratrici con la Filcams Cgil dalle ore 10”, dice Giovanni Vangi di Filcams Cgil.

Redazione Nove da Firenze