Arianna Xekalos lascia il Movimento 5 Stelle per una lista legata a Fratelli d'Italia

Si chiamerà “Firenze in Movimento” la lista della ex capogruppo del M5S. Il Gruppo Forza Italia: "Le diamo il benvenuto nel centrodestra". Francesca Paolieri (Vice Capogruppo PD): “Con l'ultima fuoriuscita ha tradito il mandato degli elettori”


A Palazzo Vecchio nasce il gruppo “Fratelli d’Italia-Firenze in movimento” di e con Arianna Xekalos che lascia il Movimento 5 Stelle e lancia una propria lista civica. Arianna Xekalos, capogruppo del Movimento 5 Stelle a Firenze era diventata riferimento dopo l'uscita dal gruppo della candidata sindaco Miriam Amato che invece ha lasciato ben presto il Movimento e milita oggi nella sinistra di Potere al Popolo. A primavera Xekalos correrà in coalizione con il centrodestra, e spiega così la scelta: "Corro con l’unica parte politica che ha dimostrato di voler mandare a casa Dario Nardella ed il Partito Democratico. Il Movimento 5 Stelle ha dimostrato di non voler vincere, alimentando fratture interne e spaccature, anziché sanarle”. A Palazzo Vecchio, Arianna Xekalos farà gruppo con Francesco Torselli che, a margine della conferenza stampa, ha annunciato la nascita del gruppo consiliare “Fratelli d’Italia-Firenze in Movimento”.

“Con Arianna - ha dichiarato Torselli - abbiamo presentato centinaia di atti assieme in 4 anni e mezzo di consiglio comunale, segno che sulle battaglie principali avevamo già una visione comune di città. Ma la cosa più importante, oggi, è un’altra: dal M5S escono pezzi importanti e scelgono il centrodestra per cambiare Firenze. Le possibilità di mandare a casa Nardella aumentano e questo è quello che conta”.

“La diaspora del Movimento 5 Stelle si è completata. Erano state elette tre consigliere – ricorda la Vice Capogruppo del Partito Democratico Francesca Paolieri– e, a pochi mesi dalla chiusura del mandato amministrativo, ne rimane sola una. La candidata a sindaco ha abbandonato dopo un anno ed è finita in Potere al Popolo, la capogruppo adesso aderisce a Fratelli d'Italia e annuncia la nascita di una lista civica a supporto del centrodestra, confermando il posizionamento dei pentastellati a livello locale così come è successo a livello nazionale. Chi rimane organizza convegni nel Giorno della Memoria. E' chiaro che queste consigliere, che anche a Firenze avevano raccolto consensi, abbiano tradito completamente il mandato che gli fu dato cinque anni fa dagli elettori – conclude la Vice Capogruppo PD Francesca Paolieri – e, oltre a dimostrare scarso senso istituzionale, dimostrano la loro totale inaffidabilità”.

"Diamo il benvenuto ad Arianna Xekalos nel centrodestra, e al nuovo gruppo Fratelli d'Italia-Firenze in Movimento in Consiglio comunale" è la dichiarazione dei consiglieri del gruppo Forza Italia a Palazzo Vecchio Jacopo Cellai, Mario Tenerani, Luca Tani e Mario Razzanelli "In questi anni più volte ci siamo ritrovati su posizioni simili riguardo alle decisioni su Firenze, segno che, di fondo, c'era un'idea di città che ci avvicinava. Oggi il centrodestra a Firenze è ancora un po' più forte, e questo non può che renderci felici in vista del prossimo voto" aggiungono gli esponenti azzurri.

"Anche oggi a Firenze il Movimento 5 stelle ha reso palese la propria estrazione: un movimento di destra fatto da persone di destra -interviene Massimiliano Piccioli, Segretario Cittadino PD- Non bastava il voto contrario alle mozioni contro il fascismo e Casapound approvate in consiglio comunale e nei consigli di quartiere in questi anni. Non bastava l’alleanza a livello nazionale fatta con la destra fascio leghista di Salvini. Non bastava l’atteggiamento vergognoso e propagandaro del ministro Bonafede dopo l’arresto di Battisti degno della più sperduta repubblica delle banane e non di una grande democrazia qual è l’Italia.Non bastava nemmeno che il Ministro della Giustizia indossasse la divisa della polizia penitenziaria con l’evidente scopo di scimmiottare Salvini. Oggi, in poche ore, gli eletti M5S in consiglio comunale hanno reso palese quella deviazione destrorsa che per molti di noi era già evidente e che li accompagna fin dalle origini. La consigliera Xekalos ha abbandonato il M5S ricongiungendosi con le sue idee di destra in Fratelli d’Italia. La consigliera Noferi, per non essere da meno, ha offeso le vittime della Shoah affermando che per il giorno della memoria non è detto che si debba stare tutti a piangere. Ancora una volta dunque il Movimento dei puri non ha perso occasione per dimostrare ai tanti cittadini che in buona fede hanno dato fiducia al M5S che la parola dei seguaci di Beppe Grillo, Casaleggio e Gigino Di Maio non vale nulla ed è solo frutto di improvvisazione e di opportunismo con radici di destra".

Redazione Nove da Firenze