Rubrica — Spettacolo

Al via il “Firenze Suona Music Contest”

C’è tempo fino al 15 dicembre per iscriversi al concorso che si rivolge a giovani musicisti di tutta Italia


Un concorso musicale per giovani gruppi e solisti italiani, di musica originale e non. Lo ha organizzato l'Associazione Culturale Firenze Suona, con il contributo di Fondazione CR Firenze e in collaborazione con l’assessorato alle politiche giovanili e Koan Studio.

Firenze Suona Music Contest” nasce e si svolge nella nostra città ma è rivolto ai musicisti di tutta Italia, non avendo limiti territoriali, né di genere musicale, sono ammesse tutte le categorie, le lingue e i dialetti. Il bando di reclutamento rimarrà aperto fino al 15 dicembre 2020: in questo periodo vengono selezionati gli artisti e le band ammessi alle fasi successive, che, qualora sia possibile, avranno luogo – nell’assoluto rispetto delle misure anti-covid – nei locali prescelti. Tale fase sarà suddivisa in sei serate che si svolgeranno nel mese di marzo 2021: alla presenza di Finaz della Bandabardò nelle vesti di coach e di una nutrita giuria di addetti ai lavori si succederanno tre fasi eliminatorie, due semifinali e una serata finale con premiazioni e partecipazione di ospiti e testimonial. Tutti gli appuntamenti saranno a ingresso gratuito. Se invece l’emergenza Covid dovesse protrarsi, impedendo lo svolgimento delle serate dal vivo, il concorso si svolgerà comunque gratuitamente online sui canali social del contest, di Firenze Suona e su quelli dei partner e degli sponsor, e le esibizioni saranno trasmesse in streaming dallo studio Koan.

“É l'occasione per continuare a promuovere la musica quale forma d'arte più cara ai giovani – ha sottolineato l'assessore alle politiche giovanili Cosimo Guccione – lo facciamo rispettando tutte le forme e i generi musicali, fornendo opportunità come questo contest aperto anche ai giovanissimi e senza limiti territoriali. Con l'augurio di poter andare a vedere dal vivo i ragazzi che si esibiranno dal vivo”.

Firenze Suona Music Contest è stato creato per: valorizzare il talento dei giovani italiani, fornire un’offerta culturale variegata e diversa dai soliti cliché, contribuire al fermento della cultura musicale tra adolescenti e giovani, sostenere musica e creatività, sperimentazione e ricerca artistica, favorire lo scambio, le sinergie artistiche, il talento, la ricerca e le potenzialità musicali giovanili, stimolare la ripartenza in sicurezza per un settore – quello della musica e dello spettacolo – pesantemente e particolarmente colpito dalle conseguenze della pandemia.

Redazione Nove da Firenze