Acqua Panna, funziona il brand Toscana: logistica sostenibile e nuova occupazione

Entro tre mesi l'azienda presenterà alla regione Toscana delle proposte progettuali per migliorare ulteriormente la sostenibilità dei trasporti e della logistica


 Il Presidente Rossi ha partecipato oggi al lancio della campagna di promozione mondiale di Acqua Panna che, a partire dal 2014, riporta in etichetta l'indicazione "Toscana" alla luce di un accordo definito con Regione Toscana. "Mi dicono che questo impegno per la valorizzazione del made in Tuscany abbia dato subito grandi risultati. E questo dimostra come sia forte nel mondo la connessione tra la parola Toscana e un'idea di qualità, di bontà, di naturalezza. In Russia come negli Stati Uniti o negli Emirati Arabi la Toscana si riconosce anche solo bevendo un bicchiere d'acqua. Questo ci rafforza nel sostenere che è proprio sulla qualità che dobbiamo continuare a investire in questo e in altri ambiti, promuovendo la nostra regione nel mondo" il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi ha sintetizzato a margine del protocollo d'intesa sottoscritto oggi a Scarperia, presso gli stabilimenti di Acqua Panna, insieme al presidente e amministratore delegato del Gruppo Sanpellegrino Federico Sarzi Braga, al CEO di Nestlé Waters (proprietaria di San Pellegrino) Maurizio Patarnello, e al sindaco di Scarperia e San Piero Federico Ignesti.

Nel suo intervento il presidente ha poi sottolineato il valore di un accordo che non solo potenzia le prospettive di sviluppo e di occupazione sul territorio (70 milioni di investimenti), ma anche che stabilisce un impegno condiviso per mantenere una risorsa così preziosa e delicata come l'acqua così come la sua terra di origine, il Mugello: "Il primo impegno in un ambito come quello delle risorse idriche è quello di attingere rispettando al massimo le regole affinché le falde acquifere siano mantenute. Acqua panna è considerata da questo punto di vista rispettosa delle concessioni, e questo è già un dato positivo. Con il protocollo sottoscritto oggi si impegna poi a fare ancora di più per la tutela ambientale: entro tre mesi ci presenterà delle proposte progettuali per migliorare ulteriormente la sostenibilità dei trasporti e della logistica, nonché i materiali usati per i contenitori dei prodotti (dal vetro alla raccolta e riciclo della plastica, a nuovi materiali). Sono azioni che non possiamo che incoraggiare anche perché rientrano nell'idea di economia circolare che da tempo sosteniamo e, Acqua Panna, ha tutti i titoli per diventare una buona pratica anche su questo fronte".

Redazione Nove da Firenze