Abusivismo commerciale: 2.200 articoli sequestrati in centro

Negli interventi della scorsa settimana della Polizia Municipale anche due multe da 5.000 e due persone denunciate. A Prato sequestrato un asilo nido abusivo


Continua l’attenzione della Polizia Municipale in materia di abusivismo commerciale. La scorsa settimana il Reparto Antidegrado ha effettuato 70 interventi mirati in centro sequestrando complessivamente 2.224 articoli di cui 2.147 in 68 casi a venditori che si sono dati alla fuga abbandonando la merce. Nello specifico 27 i controlli nel fine settimana che hanno visto il recupero di 458 oggetti. Due i venditori abusivi che invece sono stati bloccati dagli agenti: per loro è scattata la sanzione da 5.000 euro per la violazione della legge regionale sul commercio. E per uno si è aggiunta anche la denuncia per irregolarità in materia di norme sull’immigrazione. Doppia denuncia invece per un altro venditore abusivo: per violazione della normativa sull’immigrazione e resistenza a pubblico ufficiale è stato denunciato sempre per resistenza a pubblico ufficiale. Il fatto risale a ieri pomeriggio. Una pattuglia era in via Calzaiuoli quando ha visto un venditore di aste da selfie e si è avvicinata. L’uomo ha cercato di fuggire spintonando e colpendo gli agenti ma alla fine è stato bloccato e portato negli uffici della Polizia Municipale per l’identificazione. L’uomo, senza documenti, è stato accompagnato presso il Gabinetto di Polizia della Questura per il foto segnalamento: è risultato essere un 24enne straniero noto alle forze dell’ordine. L’uomo è stato denunciato per resistenza a pubblico ufficiale e per violazione delle leggi sull'immigrazione.

Oggi a Prato un’associazione culturale, denominata Associazione d’Amicizia dei Cinesi a Prato, con sede in Via Busoni, che effettuava attività di asilo nido abusivo e attività didattiche socio-educative, è stata sequestrata dal personale dell’unità operativa Commerciale, Amministrativa e Anticontraffazione della Polizia Municipale, coadiuvato dal personale dei Vigili del fuoco e da quello dei Servizi Educativi del Comune. Nel controllo effettuato gli agenti di Piazza Macelli hanno accertato l’esistenza di una struttura educativa stabile con la presenza di bambini molto piccoli, tutti di nazionalità cinese, il tutto portato avanti in condizioni di gravi irregolarità; infatti la struttura educativa aveva sede in una grande costruzione ex attività produttiva, con la iscrizione e la frequenza anche di bambini di età inferiore ai 3 anni. Nella struttura gli operanti hanno accertato diverse irregolarità: dalla presenza di una palestra abusiva, alla diversa destinazione d’uso dei locali, alla presenza di gravi violazioni riguardanti la sicurezza antincendio nei luoghi di lavoro, le vie di esodo, le uscite di sicurezza, illuminazione di emergenza e mancanza della scia antincendio. Viste le accertate irregolarità lo stabile è stato sottoposto a sequestro penale preventivo. E’ la quarta struttura educativa abusiva sequestrata dalla Polizia Municipale negli ultimi due mesi.

Redazione Nove da Firenze