Gigli: nel 2008 13 milioni e 600 visitatori


Campi Bisenzio, 26 marzo 2009- Notorietà ed elevato grado di fidelizzazione si sono consolidati nel tempo, facendo così dei Gigli un polo commerciale radicato nel territorio. Nel 2008 sono entrati al centro commerciale I Gigli 13.610.867 persone il -1,70% rispetto al 2007. Da cui, ma in misura minore, è sceso anche il fatturato della Galleria Commerciale.
Il 2007 era stato l’anno del record di affluenze dall’apertura, con oltre 13,8 milioni di visitatori; dunque, nel 2008, pur avendo registrato una lieve flessione, la Direzione ed il Consiglio Direttivo del Centro Commerciale si ritengono ampiamente soddisfatti a fronte della complessa congiuntura economica affrontata. Il mese che ha fatto segnare il maggior numero di presenze è ancora dicembre, tradizionalmente dedicato agli acquisti natalizi, che quest’anno è stato da record: 1.562.895 visitatori (+2,6% rispetto al 2007). Il trend positivo di Dicembre, è proseguito anche nei primi mesi del 2009, segno di una risposta positiva della clientela alle numerose iniziative promozionali intraprese dai negozi dei Gigli e dalle varie attività di servizi attivati ed eventi organizzati nella Galleria del Centro.
Questi dati sono stati illustrati nell’ambito dell’assemblea dei consorziati dei Gigli che si è svolta all’Hotel Granducato di Campi Bisenzio: “Il 2008 è stato caratterizzato - ha spiegato fra l’altro il direttore dei Gigli Alessandro Tani – da vari fattori congiunturali negativi. In generale in Italia si assistito ad un consistente incremento dell’inflazione (+3,3%) e ad un conseguente ritardo nella crescita (rispetto agli altri Paesi Europei) che ha portato alla recessione, con un riorientamento degli stili di consumo. L’economia locale del bacino ha subito una forte battuta d’arresto, in particolare il distretto pratese; come è emerso anche nell’ultimo audit di mercato svolto ai Gigli a settembre, la percentuale dei disoccupati rilevata nel territorio è passata dal 3% del 2007 al 7% del 2008. In questi mesi gli operatori della Grande Distribuzione si sono trovati a sostenere un grande sforzo in termini di riduzione dei margini per sostenere iniziative promozionali impattanti. Adesso più che mai con inevitabile criticità devono essere analizzate tutte le voci di spesa per una razionalizzazione. Ad inasprire il già complesso momento congiunturale è stata anche la rilevante crescita della pressione tributaria locale, con l’incremento di tasse comunali come quella sulle insegne pubblicitarie. In un clima di profondo pessimismo I Gigli hanno comunque consolidato la propria identità, mantenendo la leadership nel settore dei centri commerciali”. L’assemblea ha anche approvato il bilancio consuntivo 2008 certificato dai revisori dei conti e il budget 2009 e ha potuto vedere, in anteprima, il piano marketing e la nuova campagna pubblicitaria del centro commerciale per il 2009 che scatterà nei prossimi giorni.
Fra i servizi introdotti o potenziati durante il 2008: il restyling del punto accoglienza e informazioni Ginfo, l’inaugurazione in Corte Magnani dello spazio bimbi assistito Baboo dedicato ai bambini dai 3 anni in su; l’implementazione della Tv del Centro GigliTV con l’installazione di un megaschermo al plasma 103 pollici. Da segnalare importanti restyling di negozi, come quello di Universo Sport e nella ristorazione quello del ristorante Brek; mentre in Galleria hanno fatto ingresso operatori commerciali importanti nel panorama della Grande Distribuzione come Carpisa, Swatch Store, La Bottega del Caffè, La Gelateca, Chocolate Town Lindt. Fra i progetti più rilevanti per il 2009 ci sono i restyling di megastore come quello tutt’ora in corso dell’Ipermercato Panorama e quello appena concluso.del punto vendita Oviesse, che ha completamente rinnovato il proprio look, rendendo il punto vendita ai Gigli l’avanguardia del nuovo e avvincente stile “industry” della catena italiana di negozi. “Per l’anno 2009 – ha concluso il direttore dei Gigli – il preannunciato inasprimento della crisi economica, soprattutto sul fronte dell’occupazione, comporterà la messa in atto di strategie di marketing che valorizzino la già chiara identità dei Gigli, di luogo dello shopping e del tempo libero; è indispensabile inoltre l’azione costante e intelligente da parte degli operatori commerciali della galleria, per mantenere alto l’interesse dei visitatori dei Gigli e sostenerne la propensione all’acquisto”.
L’assemblea dei soci ha riconfermato presidente del Consorzio I Gigli Fabio Fontani e vice-presidente Cristiano Freschi.

Redazione Nove da Firenze