OHSAS 18001: certificazione del sistema di gestione per la salute e la sicurezza sui luoghi di lavoro di Montepaschi


SIENA, 21 aprile 2008- Il Gruppo Montepaschi è il primo gruppo bancario in Europa ad ottenere la certificazione di conformità allo standard internazionale OHSAS 18001 del “sistema di gestione per la salute e la sicurezza sui luoghi di lavoro (SGSSL)”. Il Rina, ente accreditato da Sincert, ha riconosciuto la certificazione a Banca Monte dei Paschi di Siena, al Consorzio Operativo Gruppo Mps e alla Paschi Gestioni Immobiliari, al termine di un periodo di monitoraggio iniziato nel 2006.
In materia di salute e sicurezza dei propri dipendenti, Bmps ha da tempo creato, in aggiunta ai ruoli previsti dalla legge, figure aziendali qualificate sulla materia, come i referenti per l’ambiente e la sicurezza (RAS), ed ha adottato strumenti organizzativi comuni a tutto il Gruppo realizzando presidi particolarmente efficaci. In questo senso, nell’ambito delle scelte di responsabilità sociale, di cui il Gruppo ha sempre fatto un tratto distintivo e caratteristico della propria strategia di crescita, è parso opportuno introdurre fattori di innovazione nella gestione della sicurezza sul lavoro.
Con l’applicazione del nuovo sistema il Gruppo Montepaschi punta a rispettare alcuni principi fondanti, codificati nella Safety Policy. Tra questi, prevenire i fattori di rischio e amministrare criticità ed emergenze; formare e informare tutte le risorse del Gruppo sulla percezione delle possibili condizioni di rischio nei contesti lavorativi; migliorare la qualità degli stessi ambienti professionali, incidendo ad esempio sulla fruibilità degli spazi, sugli aspetti ergonomici sull’affidabilità di immobili, impianti e attrezzature; valutare e classificare i fornitori anche sulla base di criteri di salute e sicurezza (safe procurement); rafforzare, infine, l’immagine aziendale in materia di salute e sicurezza sul posto di lavoro. La Safety Policy, che verrà periodicamente verificata e, ove necessario, opportunamente aggiornata al fine di recepire le modifiche che intervenissero nel contesto sociale, tecnico e normativo di riferimento, è armonizzata con i concetti già espressi nella Carta dei Valori.

Redazione Nove da Firenze