Carnevale di Viareggio: grande successo per la prima sfilata
La satira: un contropotere? Sabato 10 febbraio un convegno


Un grande spettacolo con una grande affluenza di pubblico. Oltre 120 mila spettatori hanno assistito alla prima sfilata dei carri del carnevale di Viareggio sotto i raggi di un caldo sole quasi primaverile.
Madrina della giornata inaugurale Eleonora Daniele di Uno Mattina, a Viareggio in veste di testimonial Telethon. Il carnevale di quest'anno è infatti abbinato alla fondazione per la ricerca contro le malattie genetiche. Mandando un sms al 48548 si donano due euro a Telethon e nel contempo si possono votare i carri di prima categoria.
Presenti alla sfilata numerose troupe della Rai e di Mediaset, a conferma della grande risonanza mediatica della manifestazione.
Sabato prossimo a partire dalle 15 appuntamento con la Grande Magia dei Tarocchi, spettacolo itinerante in diciotto stazioni sulla passegiata a mare che vede protagonisti sessanta mascheroni e un centinaio tra attori, ballerini, musicisti e cantanti. Sempre sabato alle 16 appuntamento al Centro Congressi Principe di Piemonte con il convegno "La satira: un contropotere", con numerosi ospiti per dialogare intorno al potere e alla capacità della satira di smascherare l'illusorietà e le incongruenze del potere istituzionale.

I grandi carri di cartapesta, fulcro del Carnevale di Viareggio, mettono in scena temi di attualità politica, economica e sociale, attraverso una lettura in chiave satirica. Accanto alla parata dei carri allegorici (4, 11, 18, 20 e 25 febbraio), anche quest’anno tra i numerosi eventi collaterali è previsto un momento di incontro e di pubblica discussione. La terza edizione di Maschere per smascherare, sempre a cura dello scrittore e giornalista Mario Bernardi Guardi, avrà ospiti di rilievo, giornalisti, critici e opinionisti della stampa e della televisione: Mario Cardinali (direttore del Vernacoliere), Antonello Chieca (vincitore Premio Satira Forte dei Marmi), Angelo Crespi (direttore de Il Domenicale), Gianfranco De Turris (giornalista RAI – direttore de L’Argonauta), Alberto Fremura (disegnatore umoristico), Roberto Genovesi (vicedirettore di RaiSat Ragazzi), Alessandro Gnocchi (redattore pagine culturali di Libero), Angelo Mellone (giornalista per Il Riformista, il Giornale), Paolo Moretti (giurato Premio Satira Forte dei Marmi), Benedetto Luca Nicolini (giornalista e disegnatore di Libero), Alessandro Rostagno (critico televisivo di Pazzi per il reality – Markette – Domenica In).
Saranno questi gli ospiti del convegno “La satira: un contropotere?” che si riuniranno sabato 10 febbraio, alle ore 16:00, presso il Centro Congressi di Viareggio, per dialogare intorno al potere e alla capacità della satira di smascherare l’illusorietà e le incongruenze del potere istituzionale. “La satira investe la forma: -- scrive Mario Bernardi Guardi -- le va addosso con violenza, la scuote, la ribalta, ma le dà anche un'investitura, in qualche modo regale e divina. Quella forma che la satira ha caricato, quella forma caricaturale, è un simbolo: provoca, cioè, etimologicamente, chiama fuori in nome di un fine, di un obiettivo; costringe a uscire dal guscio, invita, sfida, promuove…”.

Redazione Nove da Firenze