La storia d'Italia attarverso gli scatti dei fotoreporter


Aprirà i battenti domani (inaugurazione prevista per le ore 18) al Museo di Storia Contemporanea di Milano la mostra “Il fotogiornalismo in Italia 1945-2005”. Organizzata dall’Aire di Torino e dal Polo Musei Storici del comune lombardo, l’esposizione è curata da Uliano Lucas, guru del fotogiornalismo nostrano, capace di immortalare nel corso della sua carriera le contestazioni operaie e studentesche di Torino e Milano negli anni Settanta, le guerre di liberazione africane, gli scontri di Beirut e Sarajevo, la grandeur della Cina.
Oltre 350 fra immagini e documenti per ripercorrere sessant’anni di storia italiana: dal neorealismo del dopoguerra al paparazzismo, dal reportage sociale che si afferma negli anni Sessanta assieme ad un nuovo modo di guardare e raccontare, allo scatto di cronaca dei fotografi di redazione degli anni del terrorismo e delle stragi di mafia, dalla foto anonima d’agenzia che attraversa tutta la storia degli ultimi anni, ai nuovi stili e messaggi degli scatti degli anni Novanta, strettamente legati alla riorganizzazione del mondo dell’informazione nella globalizzata e tecnologicizzata società postmoderna, ma anche all’ingresso della fotografia, anche quella di news, nel mondo dell’arte e del collezionismo.
La mostra, che ha ricevuto il sostegno della Camera di Commercio di Milano e dell’associazione Ascofoto, si protrarrà fino al prossimo 7 gennaio ed accoglie una sezione sul fotogiornalismo a Milano, vale a dire quei lavori che hanno per soggetto proprio la città invisibile che è diventata oggi la capitale lombarda - con i suoi flussi immateriali di lavoro e di notizie, l’estensione infinita dell’hinterland e del terziario, il polimorfo tessuto sociale distante anni luce da quello del passato - e alla sua rappresentazione fotografica, offerta da una fotografia di cronaca cittadina e un reportage d’autore che si confondono sempre più nella comune scelta di fotografare la frammentarietà e disorganicità del presente. [S.R.]

“Il fotogiornalismo in Italia 1945-2005” presso il Museo di Storia Contemporanea di Milano
Dal 3 novembre 2006 al 7 gennaio 2007 (da martedì a domenica 9.30-13 e 14-19.30, chiusa il lunedì). Biglietti: intero 7 Euro; anziani (over 65) gruppi e convenzioni 5 Euro; minori di 18 anni, studenti scuole primarie e secondarie inferiori e superiori 3 Euro; minori di 6 anni, disabili, e accompagnatori ingresso gratuito.
Il catalogo della mostra, pubblicato in collaborazione con La Stampa, raccoglie i testi critici di Uliano Lucas, Tatiana Agliani, Piero Berengo Gardin, Carlo Cerchioli e Aldo Bonomi, è in vendita all’ingresso della mostra a 28 Euro.
Per maggiori informazioni e segreteria mostra: tel 02.76006964

Redazione Nove da Firenze