Domani parte il servizio di car sharing con tredici auto a basso impatto ambientale


Entra in funzione domani il car sharing targato Firenze con tredici auto a basso impatto ambientale. Promosso dall'Amministrazione comunale, il servizio viene gestito da una società (la Carsharing Firenze srl) composta da Acipromuove, Ataf, Clock, Confartigianato, Confcommercio e Brandini e che è aperta anche a nuovi soci. Oggi la presentazione ufficiale a Palazzo Vecchio alla presenza del vicesindaco e assessore alla mobilità, della presidente della società Carsharing Firenze e direttrice di Aci Alessandra Rosa, di Valerio Vannetti vicepresidente di ATAF e vicepresidente di Car Sharing, di Renato Burigana, amministratore delegato della società, Marco Mastretta direttore di ICS (Istituto car sharing). Letteralmente Car Sharing significa "condivisione dell'automobile". In sostanza, più persone aderiscono all'associazione per utilizzare l'auto soltanto quando ne hanno bisogno, pagando esclusivamente il costo di uso e - contrariamente al noleggio - anche per un tempo limitato, inferiore alla giornata. L'esperienza del Car sharing arriva a Firenze dopo una sperimentazione avviata con successo in altre città italiane come Torino, Bologna, Venezia, Modena, Milano, Bolzano, Rimini e Genova (con circa 4mila utenti) mentre in altri paesi europei e negli Stati Uniti è operativo sin dalla fine degli anni '80. L'utente del Car Sharing paga una quota di adesione una tantum, un canone annuale e poi, ogni volta, il costo effettivo dell'uso. Le auto sono collocate in diversi punti della città, per essere vicine agli utenti, e i mezzi hanno accesso ai centri storici, come una sorta di servizio pubblico personale. In concreto le auto del Car sharing possono circolare all'interno della ztl (salvo le zone interdette al traffico veicolare come le aree pedonali con eccezione di quelle del tipo B) senza limitazioni di orario e possono parcheggiare in tutti gli spazi disponibili senza pagare. Inoltre i veicoli possono sostare anche in presenza di pulizia della strada (diurna e notturna) e circolare anche in caso di targhe alterne. Per quanto riguarda il dettaglio del servizio fiorentino, le auto a disposizione per adesso sono 13 caratterizzate da basse emissioni inquinanti (11 Nuove Panda 1.2 Dynamic Euro 4 e 2 Multipla Natural Power) collocate in diversi punti della città: i primi parcheggi sono stati individuati in via degli Anselmi (di fronte al cinema Odeon), piazza Beccaria (lato Borgo la Croce), viale Amendola (di fronte all'Aci), via Cennini (lato Palacongressi), viale Mazzini (pressi stazione ferroviaria), piazza Pitti, Borgo Ognissanti (pressi piazza), piazza Alberti (angolo via Di Credi), piazza Mentana (lato Camera di Commercio), via della Dogana, piazza del Carmine (angolo piazza Piatellina), via de' Renai (pressi piazza Demidoff). Per avere informazioni o iscriversi al servizio è sufficiente telefonare allo 055/241618, dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18, dal lunedì al venerdì. Oppure si può andare presso gli uffici ACI di viale Amendola 36, Confcommercio, in via Ponte alle Mosse 167, la Confartigianato in via Empoli 27, Brandini in via della Fonderia 73, e ATAF presso l'ufficio abbonamenti della Stazione Centrale. Da domani sarà attivo anche il sito internet www.carsharingfirenze.it. Gli utenti iscritti avranno a disposizione un call center 848/787787 per effettuare le prenotazioni e potranno utilizzare il servizio di Carsharing in funzione nelle altre città italiane. Ecco le tariffe fissate dalla società di gestione del servizio: l'abbonamento costa 120 euro all'anno, oltre a 60 euro di tessera. L'utente deve pagare poi solo per il tempo che utilizza l'auto e i chilometri percorsi. Guidare una Panda costa 2,05 all'ora oltre a 39 centesimi per chilometro (dopo i primi 70 chilometri il costo scende a 24 centesimi); una Multipla invece 2,60 all'ora più 57 centesimi a chilometro (36 centesimi dopo i primi 70 chilometri). La notte, dalle 24 alle 7, si pagano solo i chilometri. Particolari tariffe scontate sono previste per famiglie, enti, associazioni pubbliche e private. Il carburante, il parcheggio non si pagano: sono compresi nel servizio.

Sono state ascoltate le sollecitazioni giunte in queste prime settimane di targhe alterne dai cittadini e da alcune associazioni che, sottoponendo all'attenzione dell'assessorato all'ambiente specifiche situazioni, chiedevano di essere derogati dal provvedimento di regolamentazione della circolazione. I vari suggerimenti sono stati analizzati dalla Polizia Municipale e la nuova ordinanza prevede alcune deroghe aggiuntive. In particolare, sono derogati i lavoratori turnisti (il cui orario di ingresso o di uscita coincide con la mancanza del trasporto pubblico limitatamente al percorso casa-lavoro e l'autorizzazione è valida per un massimo di 30 minuti), gli insegnanti che lavorano nella stessa giornata su più plessi scolastici (anche qui l'autorizzazione è valida per un massimo di 30 minuti), gli espositori a Firenze Fiere (con contrassegno rilasciato dagli organizzatori delle manifestazioni limitatamente al percorso per raggiungere i parcheggi a loro riservati), i fruitori del servizio di Car Sharing. Sono state rese più chiare anche le autorizzazioni per le auto degli enti pubblici: Stato, Regioni ed Enti locali e sono state inserite anche le auto del corpo consolare e del corpo diplomatico. Ricordiamo che il provvedimento di circolazione a targhe alterne sarà in vigore su tutto il territorio comunale fino al 28 aprile il martedì ed il giovedì dalle 9,00 alle 17,00. Martedì si fermano le auto con targa pari e giovedì quelle con targa dispari. In allegato, il testo integrale dell'ordinanza.

Redazione Nove da Firenze