Amministrative: al ballattoggio comuni di Firenze e Arezzo
De Zordo: Un grande risultato, la richiesta di nuove politiche di sinistra


Il centrosinistra conquista al primo turno tutte le Province mentre si andra' al ballottaggio al comune di Firenze e di Livorno. Domenici dell'Ulivo affrontera' a Firenze Valentino della Cdl mentre ad Arezzo Lucherini, CdL, se la dovra' vedere con Bettoni, centrosinistra. All'Ulivo invece i comuni di Livorno con Cosimi e quello di Prato con Romagnoli. Nelle provinciali, Renzi vince a Firenze; Logli a Prato, Pieroni a Pisa; Scheggi a Grosseto; Kutufa' a Livorno; Ceccarelli ad Arezzo; Ceccherini a Siena.
"Sono qui per imparare come ci si prepara agli spareggi". Inizia con una battuta rivolta all'allenatore Emiliano Mondonico, ed evidentemente riferita al ballottaggio elettorale per Palazzo Vecchio, la visita del sindaco di Firenze, Leonardo Domenici, alla Fiorentina in ritiro alla vigilia dello spareggio con il Perugia. Il sindaco ha inteso altresi' far sentire la vicinanza e il sostegno della citta' in vista del doppio appuntamento che potrebbe valere la serie A. Durante la visita Domenici ha assistito all'incontro di Diego Della Valle con i giocatori viola e al termine si e' intrattenuto a pranzo con i vertici della societa'.
"E' un grande risultato per me e per tutte le persone che si sono impegnate perché ottenessimo questo successo; oltre 27000 cittadini hanno dato la loro fiducia al nostro progetto, un numero che va oltre le più rosee previsioni". Ornella De Zordo ha così commentato l'esito elettorale nel corso di una conferenza stampa tenutasi stamattina in Piazza SS Annunziata. "Di sicuro non si può parlare di voto di protesta - ha proseguito - chi mi ha votato lo ha fatto perché abbiamo risposto ad una forte richiesta di rinnovamento della politica a sinistra. Questo risultato ci da la spinta per continuare il lavoro iniziato in questi mesi, un impegno forte per saldare i grandi valori della pace, dei diritti, della difesa dell'ambiente con scelte precise per il futuro della nostra città. Ora a Firenze non si può governare senza dare spazio in maniera adeguata a queste esigenze che provengono soprattutto da un'area di sinistra critica che vede lavorare insieme un partito politico con i movimenti e la società civile".
Incalzata dai giornalisti sul tema del ballottaggio De Zordo ha così risposto:"Fin dall'inizio abbiamo detto che in caso di ballottaggio non avremo permesso certo che questa città finisse nelle mani della destra e quindi non è una novità se diciamo che al ballottaggio voteremo per il centro-sinistra. Pensando al caso di Bologna e all'ampia coalizione voluta da Cofferati, che vede insieme l'Ulivo, Rifondazione ed ampie parti dei movimenti, pensiamo che quella sia la direzione vincente, quella stessa che noi abbiamo tentato di proporre anche qui. Sappiamo bene che per battere definitivamente Berlusconi la sinistra deve presentarsi più forte e anche in questo senso è utile che si sia aperto uno spazio in quell'area di sinistra critica che rischiava qui di non riuscire ad esprimersi".

Redazione Nove da Firenze