Ripetitore in Via Giano della Bella: Idra scrive al sindaco di Firenze


Un incontro con la popolazione, costretta a fronteggiare da sola una situazione di allarme, e a mantenersi in uno stato di mobilitazione permanente (presìdi di autotutela del diritto alla salute, informazione alla cittadinanza, raccolta di firme sotto una petizione già depositata presso Palazzo Vecchio), senza alcun conforto informativo preventivo da parte dell’Amministrazione comunale, né alcuna presenza istituzionale diversa da quella della Questura di Firenze e della Polizia Municipale": lo chiede l’associazione di volontariato fiorentina Idra al sindaco di Firenze Leonardo Domenici, il più alto garante della salute sul territorio comunale, tenuto conto dello stato di apprensione che il progetto di installazione di un ripetitore di telefonia mobile Nokia in Via Giano della Bella ha provocato nella cittadinanza.
L’associazione chiede inoltre copia degli atti inerenti il rilascio dell’autorizzazione all’installazione dell’impianto.
Idra, che si domanda come sia stato possibile all’Amministrazione autorizzare un intervento a poche decine di metri dal luogo (Via della Chiesa) in cui le rimostranze dei cittadini hanno appena ottenuto il blocco dell’installazione di un analogo ripetitore, sostiene la petizione popolare in cui i cittadini chiedono:
l’immediata sospensione dell’autorizzazione eventualmente concessa all’impresa di telefonia mobile;
trasparenza e informazione circa le caratteristiche dell’impianto che sarebbe stato previsto di installare;
garanzie scritte da parte della autorità sanitarie circa la completa innocuità dell’impianto per bambini, adulti, anziani e cittadini sofferenti di malattie cardiovascolari.

Redazione Nove da Firenze