Internazionalizzazione delle PMI


E' il tema centrale del Convegno che la Camera di Commercio di Firenze, in collaborazione con l'Azienda Speciale Promofirenze, organizza al Palazzo dei Congressi il 2 aprile (ore 14). "In uno scenario di mondializzazione dell'economia, che impone una trasformazione accelerata del mercato globale -spiega Luca Mantellassi, Presidente della Camera di Commercio di Firenze- intendiamo dare con questo convegno un contributo concreto di assistenza e promozione al sistema delle imprese, specialmente alle PMI. Vogliamo, cioè, ancora più efficacemente assistere le imprese italiane nella loro internazionalizzazione, per garantire che la penetrazione commerciale sia in grado di reggere all'impatto di una new economy". "Il significato di questo convegno, dice Mantellassi, va inoltre inteso anche in una ottica più ampia che interpreta l'internazionalizzazione non solo come promozione della impresa sui mercati esteri ma anche come sollecitazione di investimenti stranieri in Italia". L'incontro di Firenze prevede le relazioni di Tim Ambler, Rettore della London Business School, Jonathan Potter, Amministratore del Programma OCSE per lo Sviluppo delle economie locali, e Jean Paul Carriere, Urbanista dell'Università Rabelais di Tours. Il divenire del nuovo modo di 'fare Internazionalizzazione' sarà, invece, il tema della Tavola Rotonda al quale prederanno parte Giuseppe Roma, Direttore Generale del CENSIS , Emma Marcegaglia di Confindustria, Paolo Targetti, Presidente della Targetti Sankey S.p.A., Gianfranco Cairo, della Ernst & Young, e Sergio Giroldi, Amministratore Delegato di Nodalis. L'incontro si concluderà con le testimonianze di quattro imprese che serviranno a fare luce sui rischi ed i vantaggi di una globalizzazione dei mercati. Interverranno: Bruno Brianzoli, direttore generale della Solvay Italia, Jacopo Biondi Santi, amministratore delegato della Biondi Santi , Daniele Cuomo, direttore generale della Interglass e Angela Caputi, amministratore unico della Giuggiù. 'Le PMI fiorentine e toscane hanno l'opportunità con il convegno di migliorare il proprio grado di conoscenza su un fenomeno –la globalizzazione dell'economia -che è divenuto una realtà di lavoro con la quale ci si deve confrontare giorno dopo giorno" - afferma Vasco Galgani, Presidente di Promofirenze 'Lo scopo principale del convegno, infatti, non sarà quello di discutere sul fenomeno dell'internazionalizzazione dei mercati in sé, bensì quello di evidenziare quali siano gli scenari di riferimento per il futuro -aggiunge il Presidente Galgani - offrendo ai nostri imprenditori la possibilità di conoscere quali siano i principali strumenti -pensiamo ad esempio al marketing territoriale, all'innovazione, alla ricerca, all'accrescimento delle competenze professionali e, infine, allo sviluppo sinergico e alla valorizzazione di tutte le realtà locali, nell'ottica di una più ampia costituzione di una rete e un sistema territoriale-con i quali affrontare con successo le sfide poste dai nuovi competitori'.

Redazione Nove da Firenze