Yacht in Toscana, Azimut Benetti: filiera produttiva da Viareggio a Livorno 

Una filiera importante per l'economia regionale


Massimo Braccini, segretario generale Fiom Toscana interviene nella discussione legata al comparto e commenta il futuro organizzativo di Azimut Benetti che "continua ad essere un’unica azienda e vorremmo comprendere i suoi piani produttivi futuri complessivi, gli ordinativi, i carichi di lavoro, le condizioni economiche e la distribuzione del lavoro nei siti produttivi in Toscana dove operano complessivamente centinaia di ditte in appalto e oltre 2500 lavoratoriRiteniamo che l’azienda vada valutata nella sua globalità aziendale e dovrebbe avere un progetto industriale più strutturato. Il passaggio alla costruzione anche di mega yacht necessita più che mai di un rinnovamento nell’organizzazione della filiera produttiva da Viareggio a Livorno in un’ottica di fascia produttiva larga, senza depotenziare un sito a scapito di un altro".

"Continuiamo a ritenere che bisogna invertire la tendenza riguardo le assunzioni dirette da parte dei cantieri e la ricostruzione dei reparti produttivi. Questi modelli produttivi necessitano di una conduzione professionale dei lavoratori più strutturata, mai si era visto un rapporto tra lavoratori diretti e appalti così elevato negli ultimi 30 anni e questo modello di sviluppo rischia di essere di corto respiro.
Notiamo altresì una mancanza di chiarezza anche da un punto di vista societario, convincerebbe poco l’ipotesi di una vendita di una parte aziendale.
Attendiamo a breve un incontro specifico su Azimut Benetti in Regione per comprendere le prospettive del gruppo ed il piano industriale"
conclude il segretario Fiom.

Redazione Nove da Firenze