Voucher taxi a Firenze, Draghi (FdI): "Idea mia"

Il capogruppo di Fratelli d'Italia: "Il 18 gennaio bocciato mio odg per i voucher dei taxi, oggi l'annuncio che il Comune li istituirà"


"E' una pratica politicamente odiosa, quella del PD, di bocciare sistematicamente le proposte delle opposizioni per poi proporre le stesse cose. Invece di riconoscere il buon lavoro dei consiglieri, di qualunque partito, i 'democratici' scelgono di mascherare l'assenza di proposta politica così. Stavolta è successo per i voucher dei taxi, da me proposti con un ordine del giorno bocciato da PD e Lista Nardella lo scorso 18 gennaio, e spuntati oggi come idea geniale del Comune per contrastare i contagi da Covid sui mezzi pubblici". Questa la dichiarazione del capogruppo di Fratelli d'italia Alessandro Draghi.

"Nell'atto da me firmato, e votato oltreché dal sottoscritto dai consiglieri della Lega e del Gruppo Misto, chiedevo di avviare di concerto con la Regione Toscana un percorso che produca un accordo fra Comune e tassisti per istituire le corse a costo fisso e concedere i voucher. Mi riferivo in particolare a categorie fragili e a rischio, come anziani e operatori sanitari – conclude Draghi –. Insomma, esattamente quello che viene annunciato oggi dalla giunta Nardella. Che strana combinazione". 

Redazione Nove da Firenze