Rubrica — Mostre

Volterra: nuovo allestimento in Pinacoteca e una mostra sugli scavi a Ortino

Giovedì 29 marzo alle ore 11,30 e alle ore 13 gli eventi ad ingresso gratuito. ’assessore alla cultura Raspi: «La Pinacoteca e Museo Civico compie i primi passi verso un globale ripensamento del percorso espositivo, una nuova grafica coordinata e una maggiore valorizzazione dei suoi tesori»


Due inaugurazioni per dare il via ufficialmente alla stagione turistica e ai grandi eventi presenti in città nel 2018. Giovedì 29 marzo l’amministrazione comunale di Volterra organizza due momenti di festa per la comunità e per i turisti: l’inaugurazione a Palazzo dei Priori della mostra “I Signori de l’Ortino. Aristocrazie gentilizie all’alba della città di Velathri” (ore 11,30) e l’inaugurazione del nuovo allestimento della Pinacoteca (ore 13). Entrambi gli eventi sono ad ingresso gratuito.

Ad inaugurare la giornata sarà alle ore 11.30 a Palazzo del Priori l’inaugurazione della mostra “I Signori de l’Ortino. Aristocrazie gentilizie all’alba della città di Velathri”: non solo una mostra, ma il simbolo di un lavoro costante di riscoperta del passato di Volterra La mostra, a cura di Comune di Volterra e Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le Province di Pisa e Livorno, e realizzata da Cooperativa Archeologia e Cooperativa Siena Viva, raccoglie i risultati delle campagne di scavo svolte sotto la direzione scientifica della Soprintendenza, con il contributo dei fondi MiBACT - Art Bonus e della Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra, in contrada Ortino a Volterra, nell’ambito del progetto per la costruzione del nuovo asilo nido comunale “La Mongolfiera”.

Alle ore 13 in Pinacoteca Museo Civico è in programma una visita guidata teatralizzata che porterà il pubblico a riscoprire il nuovo allestimento della sala della “Deposizione” di Rosso Fiorentino (a cura di Palazzo Strozzi, Firenze) e di altre sale del museo. «È una grande responsabilità, privilegio e onore prendersi cura di un luogo come quello della Pinacoteca e Museo Civico della città – dichiara l’assessore alla cultura Eleonora Raspi - , vagliare stanza per stanza alla ricerca di imperfezioni, riscoprire le opere fino a questo momento conservate in magazzino e non smettere di imparare da quelle già in mostra. In armonia con l’assessore al turismo Gianni Baruffa e grazie al prezioso lavoro del dirigente del settore cultura Alessandro Bonsignori, il direttore Alessandro Furiesi e di tutta la squadra di operatori museali, operai ed elettricisti comunali, la Pinacoteca e Museo Civico compie i primi passi verso un globale ripensamento del percorso espositivo, una nuova grafica coordinata e una maggiore valorizzazione dei suoi tesori».

Redazione Nove da Firenze