Rubrica — Fiorentina

Viola, analisi sociologica di un amore viscerale: giovani tifosi e donne in aumento

Giovedì sera alla presentazione di Ribery allo stadio la presenza di supporters under 20 era nutritissima, gli over 60 veramente pochi. Il verde della gioventù e il rosa femminile stanno affiancandosi con forza al viola


Faceva impressione vedere la quantità di giovani tifosi e di donne presenti allo stadio giovedì sera per la presentazione di FR7: tanti, tantissimi, un'enormità. Sarà stato per l'ingresso gratis, certo, ma c'è di più. C'erano i più piccoli, di cui molti con magliette personalizzate, portati dai genitori ma c'erano anche ragazzi e ragazze dai quindici anni in su entusiasti di accogliere il nuovo idolo della Fiorentina.

A chi non è di Firenze e tifa per le blasonate squadre del nord può sembrare strano questo amore viscerale e tanti possono pensare: ma come, questi non vincono niente da molti anni, eppure continuano a sostenere la loro squadra, guarda con quale entusiasmo...

Se un po' di distacco c'è stato, ma poco poco ed è pronto a riprendere vigore come fuoco dalla cenere, questo ha riguardato gli over 60, che allo stadio erano veramente pochi rispetto ai più giovani. Di una certa età si vedevano inoltre più signore che signori, le donne viola sembrano in generale più attaccate alla Fiorentina. Che è un fenomeno calcistico ma soprattutto un fatto di cuore, e quando Joe Barone dice "Non c'è vita senza voi" coglie perfettamente nel segno.

Brava, intelligente la nuova società a mettere al centro del progetto i tifosi. Che poi, è la verità: i tifosi sono la squadra. Le società vanno e vengono, i giocatori arrivano e poi partono, ma loro, i tifosi, restano sempre. La squadra "è" il suo tifo. Non c'è televisione o sponsor o vittoria che tenga: senza i tifosi non c'è vita.

E a Firenze questo tifo sta diventando sempre più verde, e sempre più rosa. Viola, verde e rosa...

Redazione Nove da Firenze