Rubrica — Spettacolo

Uto Ughi al Verdi di Firenze il 29 gennaio

Con l'asso del violino, il pianista uzbeko Michail Lifits


Tra i suoi preziosi violini, uno Stradivari del 1701 denominato “Kreutzer”, perché appartenuto all’omonimo violinista a cui Beethoven dedicò la famosa Sonata.

E la “Sonata a Kreutzer” sarà al centro dello straordinario concerto di Uto Ughi, tra i maggiori violinisti dei nostri tempi, mercoledì 29 gennaio (ore 20,45) al Teatro Verdi di Firenze insieme al pianista uzbeko Michail Lifits, altro asso della classica internazionale.
I biglietti - posti numerati da 40,25 euro a 63,25 euro, compresi diritti di prevendita - sono disponibili nei punti vendita www.boxofficetoscana.it/punti-vendita e online e su www.ticketone.it.

Erede della tradizione violinistica italiana, Uto Ughi ha suonato in tutto il mondo, nei principali festival, con le più rinomate orchestre sinfoniche, sotto la direzione di direttori d’orchestra quali Celibidache, Gatti, Gergiev, Giulini, Maazel, Mehta, Pretre, Rostropovich, Sawallisch, Sinopoli, Temirkanov.

Redazione Nove da Firenze