Università, Firenze sale al 448° posto nel mondo ma l'eccellenza toscana è sempre Pisa

Uscita la classifica globale di QS University Rankings: l'Ateneo fiorentino registra la crescita maggiore d'Italia guadagnando una cinquantina di posizioni. Impatto della ricerca, Sant'Anna entra in top ten


L'unica italiana a crescere nell'opinione dei datori di lavoro è l'Università di Padova, che guadagna quindici punti sia in questo indicatore (245esimo posto), sia nella classifica globale (234esimo posto). La Scuola Normale Superiore di Pisa è sedicesima al mondo nell'indicatore Faculty/Student che misura la proporzione tra docenti e studenti. La concittadina Scuola Superiore Sant'Anna Pisa è centesima in questa misura, che penalizza fortemente le Università italiane: ad eccezione di queste due, si classificano tutte oltre la settecentesima posizione. La stessa Sant'Anna però è nella top ten nell'indicatore, molto importante, che misura l'impatto della ricerca.

Il Politecnico di Milano ottiene il primato italiano per la proporzione di docenti internazionali (364esimo posto) e per la proporzione di studenti internazionali (269esimo posto). L'Università di Firenze registra la crescita più significativa, guadagnando oltre 53 posizioni e salendo dalla fascia 501-510 al 448esimo posto. Ancora migliorabile, visto ad esempio che l'Università di Bologna, è al numero 177 del mondo, molto più in alto insomma.

L'Università di Napoli Federico II guadagna 48 posizioni rispetto alla edizione precedente e classificandosi al 424esimo. L'Università di Trento e l'Università di Pisa entrano tra le Top 400 al mondo, classificandosi entrambe al 389esimo posto, salendo rispettivamente di 37 e 33 posti.

Per saperne di più, è possibile consutare direttamente

https://www.topuniversities.com/university-rankings/world-university-rankings/2020

Redazione Nove da Firenze