Una bottiglia di vino in cambio di una dose di cocaina

Denunciato 50enne senegalese per spaccio. Stella (FI): "In piazza D'Azeglio degrado e siringhe"


Hanno pagato lo spacciatore con una bottiglia di vino: è successo ieri pomeriggio di fronte alla stazione Santa Maria Novella dove gli agenti delle volanti, impegnati in un servizio straordinario di controllo del territorio, hanno denunciato un 50enne senegalese per spaccio e segnalato i due clienti quali assuntori di sostanze stupefacenti. I poliziotti hanno assistito allo scambio e sono subito entrati in azione fermando lo spacciatore e i due acquirenti, nei pressi della pensilina della stazione, con la dose di cocaina. Sequestrata sia la droga spacciata sia la bottiglia.

Nel corso dell’attività, la polizia ha inoltre sottoposto a fermo per identificazione 3 cittadini stranieri, denunciati per la violazione degli obblighi sul soggiorno.

Un cittadino tunisino di 31 anni è stato infine denunciato per ricettazione in quanto sorpreso con addosso uno smartphone risultato rubato poco prima del controllo.

"In Piazza D'Azeglio il degrado è sotto gli occhi di tutti. Ci stupisce che l'amministrazione comunale non sia ancora intervenuta dopo le reiterate denunce fatte dal locale comitato. Oggi siamo stati insieme ad alcuni residenti a fare un tour e abbiamo notato una situazione veramente deplorevole". Lo afferma il vice presidente del Consiglio regionale della Toscana, Marco Stella (Forza Italia) "Nei giardinetti dove giocano i bambini abbiamo trovato una siringa - sottolinea Stella -. Senza contare che l'illuminazione è ancora carente e quando scende il buio l'area diventa particolarmente pericolosa. Saremmo grati a Palazzo Vecchio se si degnasse di intervenire e rispondere finalmente alle sollecitazioni dei residenti".

Redazione Nove da Firenze