Turisti trasportati senza permesso

Il giro scoperto dalla Polizia municipale: da inizio maggio per eludere il ticket di ingresso una società turistica faceva scendere i turisti in un parcheggio privato e li portava in città con pulmini


Trasportavano turisti a bordo di veicoli senza avere le necessarie autorizzazioni ed effettuando così un servizio di NCC abusivo, ma sono stati scoperti e sanzionati dalla Municipale. Tutto ha avuto inizio a maggio quando, in seguito ad alcune segnalazioni, il Reparto Analisi e Strategie ha organizzato alcuni controlli sul fenomeno di trasporto abusivo di persone a bordo di autoveicoli a nove posti. La storia si ripeteva quotidianamente ed era stato segnalato alla Polizia Municipale direttamente dalla CNA: da altre città, ogni giorno, arrivavano mediamente otto pullman con a bordo numerosi turisti (la maggior parte turisti asiatici) che si fermavano in un parcheggio privato posto nel comune di Bagno a Ripoli. 

Qui i turisti venivano fatti scendere per poi essere caricati a bordo di piccoli bus da 9 posti per poi essere accompagnati in città. Durante la giornata i piccoli bus facevano la spola tra il Comune di Bagno a Ripoli ed il lungarno della Zecca Vecchia: la mattina il viaggio di andata ed il pomeriggio il ritorno. 

Tutto questo era stato organizzato da una società turistica con sede a Firenze al fine di eludere il pagamento del ticket di ingresso nel comune di Firenze.

Giovedì scorso, dopo numerose settimane di appostamenti, gli agenti hanno deciso di entrare in azione: nel lungarno della Zecca Vecchia sono arrivati quattro pulmini da cui sono scesi numerosi turisti tutti di origine asiatica. Prima che i mezzi ripartissero sono stati controllati dalla Municipale ed è emerso che gli autisti stavano svolgendo l’attività illegale di trasporto persone senza alcun titolo.

Per ciascuno di loro sono scattati quattro verbali da 2475 euro. Un verbale da 173 euro per aver adibito a Noleggio Con Conducente un veicolo non destinato a tale uso con relativa sospensione della carta di circolazione, uno da 409 euro e fermo del veicolo per 60 giorni perché gli autisti erano titolari soltanto di patente di guida ma non del certificato di abilitazione professionale, uno da 1.721,33 euro ai sensi della Legge Regionale per la mancata iscrizione al ruolo dei conducenti dei veicoli adibiti ai servizi pubblici non di linea, ed uno da 172 euro ai sensi del Regolamento Comunale perché i mezzi erano privi della targhetta metallica riportante lo stemma del comune di Firenze in quanto, appunto, non autorizzati. 

Sempre sul fronte turisti, ha caricato sul risciò alcuni turisti per trasportarli in albergo ma non aveva la autorizzazioni necessarie per farlo, quindi è stato sanzionato: è successo al conducente di un risciò quando una pattuglia della Zona Centrale si trovava in piazza Duomo per alcuni controlli. Qui ha visto alcuni turisti giapponesi che stavano salendo su un risciò e che si sono accomodati a sedere sul mezzo, quindi gli agenti hanno chiesto loro se avessero prenotato il servizio, ma hanno risposto di no e che il conducente li avrebbe solo portati all’albergo. La pattuglia dopo aver controllato il sito internet della ditta del veicolo ha appurato che questo non era pertinente col servizio che il conducente stava offrendo, il quale in quel momento stava effettuando servizio di NCC. L’uomo, un 41enne fiorentino, è stato quindi sanzionato con un verbale da 173 euro poiché aveva adibito a noleggio con conducente un veicolo non destinato a tale uso trasportando alcuni turisti da piazza Duomo al loro albergo.

Redazione Nove da Firenze