Traffico a Firenze, settembre entra nel vivo: il rodaggio dei nuovi semafori

Settembre entra nel vivo dei rientri


 Cresce l'apprensione per la regimazione del traffico fiorentino in vista della riapertura delle scuole. In mattinata una riparazione di un tubo ha spaccato la via Bolognese costringendo la Municipale ad intervenire per regolare il traffico all'altezza di via del Pellegrino.
 Le nuove intersezioni semaforiche che gestiscono i flussi dopo la lunga cantierizzazione della Linea 3 ed in procinto di concludere entro l'anno la Linea 2 della Tramvia, sembrano creare qualche problema alla viabilità.

Ad aver effettuato un sopralluogo sul traffico cittadino è stato anche il vicesegretario Faisa Cisal, Massimo Milli "Sono stato nella zona di piazza Dalmazia per sincerarmi della situazione venutasi a creare a causa dei tempi semaforici relativi ai semafori. Ho trovato una situazione a dir poco "kafkiana", ovvero: una volta raggiunto il semaforo situato in fondo a Via Mariti in direzione Morgagni, sono stato fermo oltre 3 minuti al rosso. Il tutto in concomitanza, oltre che al normale ciclo semaforico, al transito in ambedue le direzioni di due convogli della Linea T1".

Aggiunge il sindacalista delegato nella RSU di Ataf "A mio avviso, ci sono tempi troppo esagerati di stop, che penalizzano oltremodo la viabilità in generale. Terminato il sopralluogo, mi sono recato al deposito di Viale dei Mille, impiegando quasi 55 minuti a causa di un serpentone di autoveicoli incolonnati dal sottopasso Strozzi al cavalcavia di piazza delle Cure".

Redazione Nove da Firenze