La Toscana dell'accoglienza al Meeting antirazzista di Cecina

Dal 4 al 7 settembre al parco "I pini" l'edizione numero 25. Organizza Arci in collaborazione con Regione, Comune e Cesvot. Due giorni di formazione per i volontari che vorranno prendere parte alle future missioni della "Mediterranea Saving Humans". L'assessore Bugli: "Il nuovo governo annulli i due decreti Salvini"


(DIRE) Firenze, 30 ago. - Ci sarà anche Mediterranea Saving Humans, la piattaforma fondata per monitorare la situazione nel Mediterraneo e salvare vite in mare, al 25esimo Meeting internazionale antirazzista della Toscana, dal 4 al 7 settembre a Cecina mare (al parco "I Pini", località La Cecinella). "In epoca di decreti sicurezza e criminalizzazione delle ong - spiegano gli organizzatori dell'iniziativa promossa da Arci, con il patrocinio e il contributo della Regione Toscana, del Comune di Cecina e del Cesvot - al meeting non poteva mancare Mediterranea".

Saranno previsti, quindi, "due giorni di formazione per i volontari di terra e di mare, per prendere parte alle future missioni della nave Mare Jonio, protagonista mercoledì di un nuovo salvataggio nelle acque del Mediterraneo".

Nel complesso il meeting sarà occasione di formazione, eventi, musica e approfondimenti con esperti, studiosi e amministratori locali di tutt'Europa che si misureranno su diversi temi, tra i quali migrazioni, antirazzismo, emergenza climatica, conflitti dimenticati, antifascismo e solidarietà. "A chi ci chiede se, dopo 25 anni, serve ancora una manifestazione come il Meeting antirazzista- dichiara il presidente di Arci Toscana, Gianluca Mengozzi - non possiamo che rispondere con un deciso sì. Lo dimostrano il sospetto, l'intolleranza e la violenza verso l'altro che viziano il clima di questo Paese. E lo dimostra un linguaggio politico spregiudicato che e' la traduzione di altrettanto spietate azioni politiche e lo dimostrano le cronache dell'Italia del 2019".

I valori di antirazzismo, di solidarietà e accoglienza, gli fa eco Vittorio Bugli, assessore regionale all'Immigrazione, "sono alla base della nostra azione di governo. Fanno parte del Dna di noi amministratori e ci vengono trasmessi dalle carte fondamentali che ispirano il nostro operato: la Costituzione e lo statuto della Regione Toscana. Sono valori che soprattutto in momenti come questo vanno rafforzati anche nel sentire comune attraverso un'azione di sensibilizzazione dei giovani, nelle scuole e nei momenti di festa e di aggregazione". Per questo la Regione Toscana, prosegue, "sostiene il meeting promosso dall'Arci e parteciperà alle giornate di Cecina assieme a esperti, testimoni e altri amministratori. Porteremo la nostra idea di una società civile che escluda l'abbandono e l'emarginazione, il razzismo e l'odio sociale e che si impegni a consegnare ai nostri figli un modello di sviluppo sostenibile. Un percorso che non vogliamo fare da soli ma assieme al volontariato e all'associazionismo". 

"Dal nuovo governo mi aspetto che i due decreti Salvini vengano annullati: stanno facendo solo danni, non solo in termini di accoglienza ma anche di sicurezza. D'altronde è un'aspettativa coerente da parte di una Regione come la Toscana che aveva già presentato ricorso alla Corte Costituzionale", ha detto poi Bugli.

Redazione Nove da Firenze