Terminati i lavori in via dei Bardi: domani l’inaugurazione

Da domani mattina scatta la riorganizzazione della viabilità della zona. Via Silvani: da lunedì al via il cantiere per l’allargamento della strada: il progetto prevede anche la realizzazione del marciapiede e di un nuovo parcheggio a servizio dell’abitato di San Felice a Ema


È in programma domani alle 19 il taglio del nastro ufficiale della rinnovata via dei Bardi. Sono infatti completati i lavori di sostituzione delle reti di acquedotto e fognatura da parte di Publiacqua e il successivo rifacimento in pietra di carreggiata e marciapiedi nella strada e in piazza Santa Maria Soprarno. All’appuntamento saranno presenti il sindaco Dario Nardella, l’assessore alla mobilità Stefano Giorgetti, Eva Carrai e Carolina Messeri del cda di Publiacqua.

Intanto domani mattina dalle 9 scatta la riorganizzazione della viabilità nella zona. In via dei Bardi viene confermato il doppio senso di marcia ma con riattivazione della porta telematica la direttrice verso l’Oltrarno sarà utilizzabile solo dai veicoli già autorizzati al transito nell’area pedonale in vigore prima dei lavori.

Per quanto riguarda Borgo San Iacopo, il primo tratto da Ponte Vecchio a via Belfredelli diventa area pedonale, mentre il tratto da Belfredelli a piazza dei Frescobaldi torna a senso unico verso quest’ultima. I veicoli autorizzati in arrivo da via dei Bardi potranno quindi svoltare in via Barbadori e arrivare in Borgo San Iacopo da via Belfredelli; oppure potranno proseguire in via Ramaglianti per arrivare in via Guicciardini. Viene infatti confermato il senso unico in via dello Sprone nel tratto via Ramaglianti-via Guicciardini. Nessun cambiamento per quest’ultima strada che rimane in uscita verso via dei Bardi-piazza Santa Maria Soprarno. Confermato anche il doppio senso di marcia, attivo da qualche giorno, in lungarno Torrigiani.

Sarà consegnato lunedì 13 agosto il cantiere per l’allargamento di via Silvani. L’intervento rappresenta il primo lotto funzionale di un più ampio progetto che prevede anche la realizzazione di un parcheggio di superficie in prossimità della chiesa di San Felice a Ema e del cimitero ad uso dell’abitato e del marciapiede.

“Questi lavori sono molto attesi dagli abitanti della zona – sottolinea l’assessore alla mobilità Stefano Giorgetti – e rappresentano un importante salto di qualità per quanto riguarda la sicurezza della viabilità e in particolar modo dei pedoni, finora costretti a camminare sulla strada. Anche questo intervento conferma l’impegno dell’Amministrazione nell’ambito della sicurezza stradale e si aggiunge alle molte opere fatte e in programma”.

Dopo che la Parrocchia di San Felice a Ema ha ceduto al Comune i terreni, l’Amministrazione ha provveduto alla progettazione del primo lotto. Via Silvani, nel tratto compreso tra il numero civico 149/A e la nuova rotatoria all’incrocio con via di San Felice ad Ema, sarà quindi allargata a 8 metri con due corsie da 3,5 metri ciascuna facilitando in particolar modo il transito dei bus e migliorando in generale le condizioni di sicurezza. L’intervento sarà realizzato in maniera tale da minimizzare l’impatto ambientale anche attraverso un’attenta scelta dei materiali. In dettaglio sarà demolito l’attuale muro di confine tra il resede della Parrocchia di San Felice e verrà ricostruito con le stesse pietre, sulla base delle indicazioni della Soprintendenza. La pavimentazione sarà in conglomerato bituminoso in continuità con la sede stradale esistente. Verrà realizzato un nuovo accesso pedonale alla parrocchia in modo da evitare il passaggio sul tratto finale di via di San Felice a Ema privo di marciapiedi. Il progetto prevede inoltre un nuovo impianto di illuminazione a led per tutta la tratta (con un significativo risparmio energetico), opere di regimazione idraulica delle acque e di sistemazione a verde con il reimpianto di tigli e colurni. I lavori saranno consegnati alla ditta lunedì 13 agosto, andranno avanti per 4 mesi e costeranno 135.000 euro.

Dal punto di vista della mobilità, per la predisposizione del cantiere e l’avvio delle lavorazioni in questa prima fase è prevista l’istituzione di divieti di sosta e restringimento di carreggiata con senso unico alternato da via San Felice a Ema verso via Suor Maria Celeste.

Redazione Nove da Firenze