Tentano di sfilare il portafogli dallo zaino di un giovane turista

Colte sul fatto dalla Polizia Municipale oggi sul Ponte Vecchio. Per le due ladre minorenni è scattata la denuncia al Tribunale dei Minori. Arrestato mentre cercava di rubare una bicicletta a Prato


Hanno cercato di sottrarre il portafoglio dallo zainetto di un giovane turista, ma sono state individuate da un cittadino che ha allertato gli agenti della Polizia Municipale in servizio poco lontano. E per le due ladruncole, entrambi minorenni, è scattata la denuncia al Tribunale dei Minori. Il tentativo di furto è avvenuto oggi sul Ponte Vecchio. Le due ragazzine hanno adocchiato una turista statunitense e i due figli, minorenni, a passeggio sul ponte. Si sono quindi avvicinate a uno dei ragazzi che indossava uno zainetto e, coprendo le mani con una mappa di Firenze, sono riuscite a infilare le mani nella sacca alla ricerca del portafoglio. Ma il tentativo di furto non è sfuggito a un passante che ha allertato i due agenti della Polizia Municipale in servizio sul ponte. Immediato il loro intervento e il fermo delle due ragazzine. Alla richiesta dei documenti, una è risultata sprovvista e ha dichiarato di non avere ancora 14 anni, l’altra invece ha mostrato la carta d’identità da cui è risultata minorenne (16 anni e mezzo). Sia i turisti che le ragazzine sono stati accompagnati al distaccamento della Polizia Municipale. Qui la turista ha sporto denuncia. Le due ragazzine, sottoposte a foto segnalamento, sono risultate minorenni (rispettivamente 14 anni e mezzo e 16 e mezzo) di nazionalità bosniaca note alle forze dell’ordine. Per entrambe è scattata la denuncia al Tribunale dei Minori per tentato furto con destrezza in concorso; la minore è stata denunciata anche per false generalità.

Ha provato ad approfittare della folla presente in Piazza Duomo a Prato in occasione del corteo del 2 giugno per rubare l’ennesima bicicletta, ma è stato fermato dalla pattuglia motociclisti della Municipale. E’ finito così agli arresti D.L.P. pistoiese di 50 anni con numerosi precedenti penali e conosciuto come tossicodipendente. L’uomo è stato sorpreso mentre, con l’aiuto di grosse tronchesi aveva appena tagliato la catena che legala la bicicletta, ed appena salito in sella è stato fermato dagli agenti che poco dopo hanno rintracciato anche il derubato che ha sporto denuncia. Il ladro è stato identificato ed è risultato gravato da numerosi precedenti penali, anche recenti e pertanto la Municipale ha proceduto all’arresto in flagranza. L’udienza di convalida si è tenuta questa mattina ed il giudice, proprio in considerazione del fatto che l’uomo è senza fissa dimora e di fatto ha come unica fonte di reddito il provento dei suoi reati, ne ha disposto l’accompagnamento presso il carcere della Dogaia. Mentre era presso il Comando della Municipale è stato inoltre riconosciuto come l’autore del tentato furto di una bicicletta elettrica presso il Giovannini avvenuto venerdì scorso. In quell’occasione l’uomo era stato visto dalle guardie giurate presenti presso la struttura sanitaria, ma era riuscito a scappare, pur abbandonando la bici rubata che era stata riconsegnata al legittimo proprietario. La descrizione fornita dalle guardie giurate corrispondeva in tutto al D.P.L. che infatti stamattina è stato riconosciuto con nuova denuncia ed ulteriore aggravio della sua posizione.

Redazione Nove da Firenze