Strage di Capaci: Firenze partecipa al flashmob di Anci

Un lenzuolo bianco esposto a Palazzo Vecchio e a Palazzo Gambacorti di Pisa. La vicesindaca Giachi: “Onorare questo evento drammatico della nostra storia pensando al futuro impegnandoci perché non accada mai più”. La Vicesindaca Raffaella Bonsangue: « Onoriamo il sacrificio del giudice Falcone, della moglie e della sua scorta, ricordando il loro insegnamento di giustizia e legalità»


Un lenzuolo bianco sul terrazzino di Palazzi Vecchio e un minuto di silenzio alle 17.57. Firenze oggi ha aderito all’appello di Anci di ricordare così la strage di Capaci, a 28 anni da quel tragico giorno in cui un attentato di mafia spezzo le vite di Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvilo e degli uomini della scorta del giudice Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro.

È stata la vicesindaca Cristina Giachi a partecipare alla semplice ma sentita commemorazione, avvenuta in contemporanea in moltissime città italiane: “Oggi è un giorno in cui in tanti, dopo l’isolamento causato dalla pandemia, ci riappropriamo delle piazze e delle strade delle città. Ma è anche il giorno che ci rimanda a un evento drammatico della nostra storia che però vogliamo ricordare e onorare pensando al futuro, a porre le basi perché stragi come quella di Capaci non accadano mai più”. “Abbiamo aderito convintamente all’appello di Anci - aggiunge la vicesindaca - di stendere un telo bianco dalla sede del Comune, Palazzo Vecchio, proprio perché le istituzioni portano inciso il segno di quei tragici momenti ma lo fanno pensando alle ferite rimarginate e al futuro di tanti giovani cittadini e cittadine italiani e di tanti servitori dello stato”.

Anche a Pisa, nella giornata di oggi, è stato esposto un lenzuolo bianco al balcone di palazzo Gambacorti per ricordare la strage di Capaci. Nella Giornata nazionale della Legalità, dunque, oltre all’esposizione del lenzuolo bianco, alle ore 17:57 il Vicesindaco Raffaella Bonsangue, con la fascia tricolore, ha celebrato un minuto di silenzio, come avvenuto contemporaneamente in tutti i comuni d’Italia: «Il Comune di Pisa ha aderito all’inziativa promossa da Anci - ha dichiarato il Vicesindaco Raffaella Bonsangue - stendendo il lenzuolo bianco dal balcone di Palazzo Gambacorti in ricordo della strage di Capaci. Un gesto simbolico per onorare la memoria del giudice Giovanni Falcone, di sua moglie e degli agenti della scorta che persero la vita per mano della mafia come il giudice Borsellino in tempi successivi. Col minuto di silenzio abbiamo voluto ricordare il loro sacrificio e il loro insegnamento, una lezione di etica, di morale, e soprattutto di fede e credo profondo nella giustizia e nella legalità. Una questione che sta a cuore anche alla nostra Amministrazione e che onoreremo non solo per il loro ricordo ma perché questo meritano i cittadini non solo di Pisa ma anche di tutte le altre città d’Italia».

Redazione Nove da Firenze