Sciopero dei lavoratori di Toscana Energia: presidi ai cancelli di Firenze e Pisa

Agitazione indetta da Filctem Cgil, Femca Cisl e Uiltec Uil Toscana


 Lunedì 30 luglio i lavoratori di Toscana Energia sciopereranno nelle prime due ore di lavoro, dalle 8 alle 10. Nella stessa fascia oraria, sono previsti presidi dei lavoratori davanti ai cancelli delle sedi di Firenze (piazza Mattei) e di Pisa (via Bellatalla).

Si tratta di una agitazione indetta da Filctem Cgil, Femca Cisl e Uiltec Uil Toscana per protestare contro "una riorganizzazione aziendale che non funziona e che rischia di avere riflessi negativi sulla qualità e sulla sicurezza del servizio - anche in virtù della forte carenza di personale più volte rappresentata dalle Rsu e dalle Organizzazioni Sindacali di Categoria - e per ribadire la propria netta contrarietà alla privatizzazione dell’azienda e alla forte perdita di ruolo da parte delle amministrazioni locali che hanno il compito di tutelare gli interessi dei cittadini/utenti".

L’iniziativa di lunedì fa parte di un pacchetto di ore di sciopero e di un percorso di mobilitazione che prevede lo svolgimento di altre iniziative tra cui il blocco delle prestazioni straordinarie, escluse naturalmente quelle legate alle emergenze e alla continuità del servizio per i cittadini e le imprese.

“Pur in un periodo solitamente dedicato alla pausa feriale - dichiarano Filctem Cgil, Femca Cisl e Uiltec Uil Toscana - i lavoratori ritengono importante, come sempre fatto, portare il proprio contributo e far sentire la propria voce in merito alla qualità e alla sicurezza del servizio, anche criticando le scelte aziendali che rischiano di produrre il risultato opposto, e per ricordare ai Sindaci proprietari di Toscana Energia tutti i rischi causati dalla decisione di cambiare lo statuto per vendere le quote e privatizzare l’azienda”.

"E' di questi giorni la notizia che alcune amministrazioni - che pure avevano dichiarato pubblicamente la propria contrarietà alla modifica dello statuto e alla privatizzazione di Toscana Energia - stiano predisponendo l’uscita dal capitale sociale, proprio per la preoccupazione delle negative conseguenze che la privatizzazione potrà avere sul “patrimonio pubblico” e per “l’estrema incertezza sulle regole che governeranno il futuro dell’azienda” concludono Cgil Cisl Uil Toscana e Firenze.

Redazione Nove da Firenze