​San Giovanni alla finestra - l’iniziativa della RSA “L’Arcolaio”

La creatività, il mezzo per rompere l’isolamento degli ospiti della struttura verso i loro cari


Da lunedì 22 Giugno a Sabato 27 Giugno presso RSA “L’Arcolaio” si terrà l’iniziativa denominata “San Giovanni alla finestra”. La rassegna verte sui disegni ed altro materiale che gli ospiti della struttura esporranno alle finestre, in modo che i loro cari possano - attraverso la visita del perimetro esterno della costruzione - vedere i disegni, riconoscere gli autori e così rompere simbolicamente l'isolamento che gravava sulla RSA dall'inizio di Marzo. Situazione che solo dal 15 di Giugno si è parzialmente interrotta, con visite contingentate e nel rispetto di tutte le cautele ed i protocolli sanitari.

In periodo di Covid - 19 la creatività è stato un modo per arrivare comunque ai nostri cari, pensiamo ai disegni che i nipoti hanno fatto per i nonni, ai lunghi messaggi che ci siamo scambiati ai cellulari con i nostri genitori, come se fossero carteggi di un secolo diverso.

Non è un caso che questa iniziativa, pensata come incontro simbolico, sia nata da un’idea degli animatori della RSA. Le ricorrenze sono sempre state motivo di festeggiamento per “L’Arcolaio”, il San Giovanni è una tradizione che evoca molti ricordi e racconti negli ospiti della struttura, il modo migliore per lavorare sulle loro capacità residue. I disegni che saranno esposti alle ampie finestre dell'edificio, raccontano ad esempio del Calcio Storico e dei Quartieri di Firenze, dello spettacolo dei Fochi, della ricetta del nocino, presa da quella originale dell'Artusi e dell'acqua di San Giovanni. Quest’ultima è un infuso composto da sette erbe che devono macerare nell'acqua e “prendere” la rugiada della notte di San Giovanni - quella fra 23 ed il 24 Giugno - perché il composto abbia il suo effetto curativo e sia efficace contro il malocchio.

L’iniziativa è stata accolta con molto entusiasmo dagli ospiti, che dalla metà di Maggio lavorano con impegno e grande partecipazione al progetto. I responsabili segnalano in Maria T. come la decoratrice più attiva del gruppo, che ha colorato tutti i disegni guadagnandosi l’appellativo di maestra del colore.

San Giovanni alla finestra” si inserisce nel grande lavoro che è stato svolto da tutti gli operatori per rasserenare il clima pesante dell’emergenza Covid - 19, nella speranza che presto finestre e porte tornino ad aprirsi. 

Massimo Capitani