Rifiuti, la ditta era a lavoro in un Ospedale: il più grande abbandono del 2019 a Firenze

L'indagine è durata tre mesi, sono stati fatti rilievi ed ascoltati testimoni


Aveva abbandonato alcuni metri di cubi di rifiuti vari, tra cui scarti edili, in via della Cappella ma dopo tre mesi di indagini è stato individuato dalla Polizia Municipale che l’ha denunciato. Si tratta del titolare di una ditta edile.
L’inizio della vicenda risale ai primi di gennaio quando una pattuglia del Reparto Analisi e Strategie ha notato in via della Cappella diversi metri cubi di rifiuti vari (tra cui anche scarti edili, ma anche libri e sedie) abbandonati in un terreno. Dopo il sequestro dell’area e dei rifiuti (circa 3 metri cubi) sono iniziate le indagini. Gli agenti hanno ascoltato vari testimoni e hanno effettuato numerosi rilievi per risalire al responsabile dell’abbandono, il più consistente in città nel 2019.

Dopo tre mesi le ricerche e approfondimenti hanno condotto a una ditta che stava eseguendo lavori all’interno di un ospedale cittadino e il cui titolare risultava all’estero da svariato tempo.
La Polizia Municipale ha quindi convocato l’uomo che si è presentato venerdì, al suo rientro in Italia. Per lui una denuncia per abbandono di rifiuti, con pene che vanno da tre mesi ad un anno di arresto o l’ammenda da 2.600 a 26.000 euro.

Redazione Nove da Firenze