​Provoca 2 incidenti in 48 ore e scappa: rischia fino a 3 anni di reclusione

 Dopo la maxi multa, l’uomo rischia la reclusione da 6 mesi a 3 anni e di rimanere senza patente per 3 anni


Scappa, ma in entrambi i casi è stato individuato e multato dalla Municipale e ora rischia la reclusione da 6 mesi a 3 anni e di rimanere senza patente per 3 anni. Il protagonista, un fiorentino di 61 anni, il giorno di Pasqua intorno alle 20 aveva lasciato il proprio furgone parcheggiato sul marciapiede di via Corridoni intralciando il traffico tanto che il primo autobus che si è trovato a passare da lì è rimasto bloccato.
L’autista Ataf ha suonato il clacson nella speranza che il proprietario del furgone arrivasse a spostarlo e pochi minuti dopo sul furgone è salito un uomo che, per spostare il proprio mezzo, ha ingranato la retromarcia andando però a colpire l’autobus infrangendogli il cristallo laterale. Nonostante il danno causato, l’uomo alla guida ha ingranato la marcia allontanandosi dal luogo del sinistro.

L’autista dell'Ataf è riuscito a prendere la targa che ha poi comunicato alla pattuglia della Polizia Municipale intervenuta per i rilievi. Terminate le operazioni di rito sul posto la pattuglia, dopo aver fatto un accertamento sulla targa, è andata a casa del proprietario del furgone ma non c’era nessuno quindi hanno deciso di convocare l’uomo presso il Comando nei giorni successivi come accade in questi casi.

Ma non era finita qui: ieri intorno alle 19 il conducente dello stesso furgone lo aveva lasciato in sosta in via Mariti. Ad un certo punto è salito sul proprio mezzo e, ingranando la retromarcia, questa volta ha urtato violentemente contro una utilitaria Fiat parcheggiata dietro danneggiandola.
Dentro l’auto però c’era un bambino di 7 anni e, fuori, il padre con il figlio maggiore che stava parlando con delle persone. Anche questa volta, incurante del danno causato, ha ingranato la prima e si è immesso nella via Ponte di Mezzo in direzione Benedetto Dei. Il padre del minore (nonché proprietario della Fiat) si è aggrappato allo specchietto lato guida nel tentativo di fermare il furgone che stava andando via ma senza riuscirci: capito che non c’era niente da fare il proprietario dell'utilitaria si è staccato dallo specchietto cadendo a terra rimanendo ferito ad una spalla. L’uomo è stato portato all’ospedale di Careggi e giudicato guaribile in 10 giorni mentre il bambino di 7 anni è stato portato al Meyer e dimesso nella stessa serata con un referto di 7 giorni.

Sul posto è intervenuta una pattuglia della Municipale che, terminati i rilievi di rito sul posto, è andata dritta a casa del proprietario del furgone rintracciato attraverso il numero di targa preso dai numerosi testimoni. Questa volta l’uomo era a casa da dove è stato prelevato e portato al Comando.

Alle ore 21,30 è stato sottoposto alla prova con l’etilometro ed è risultato positivo (0,65 g/l, il limite consentito 0,50 g/l) quindi per lui sono scattate diverse multe: una sanzione di 1064 euro più fermo del veicolo per 180 giorni, decurtazione di 10 punti dalla patente di guida più ritiro di patente per aver provocato sinistro stradale sotto l’effetto di sostanze alcoliche, una sanzione da 41 euro e decurtazione di 2 punti per la l’urto contro la macchina durante la sua manovra di retromarcia, una denuncia presso la Procura di Firenze per aver causato sinistro stradale con lesioni a persona ed essersi dato alla fuga (che comporta anche il ritiro della patente e la decurtazione di 10 punti dalla patente di guida).
L’uomo rischia la reclusione da 6 mesi a 3 anni e rischia anche di rimanere senza patente per 3 anni.

Redazione Nove da Firenze