Rubrica — Spettacolo

Prato: Özpetek e Leo incontrano il pubblico

Venerdì 20 dicembre al Giometti Cinema Multiplex Omnia Center "La Dea della Fortuna"


In occasione del suo decimo compleanno, il Giometti cinema Multiplex Omnia Center ha organizzato una serie di eventi dedicati agli amanti del cinema a Prato.Dopo l'incontro con Marco D'Amore in occasione della proiezione del suo L'immortale - che ha visto la presenza di oltre 600 persone - venerdì 20 dicembre alle ore 20.00 sarà la volta del regista Ferzan Özpetek e di Edoardo Leo, coprotagonista con Stefano Accorsi de La Dea della Fortuna, in uscita nelle sale italiane dal 19 dicembre.Per assicurasi l'ingresso si consiglia di acquistare in anticipo l'ingresso al cinema .https://www.giomettirealestatecinema.it/cinema/multiplex-omnia-center-prato/programmazione

La Dea Fortuna è il tredicesimo film di Ferzan Ozpetek e per il regista turco segna un ritorno a una vicenda che si svolge nella sua città d'adozione (Roma) dopo Rosso Istanbul, ambientato nel luogo che gli ha dato i natali, e Napoli velata, il cui intreccio si snodava fra le vie di Napoli. E’ anche una nuova incursione nel territorio in cui l'autore de Il bagno turco si muove meglio: quello del melò.

Ozpetek si ritrova infatti a parlare ancora una volta d'amore e, avvalendosi di una colonna sonora che comprende la bellissima e struggente “Luna diamante” (cantata da Mina e scritta e composta da Ivano Fossati), si inoltra tra i misteri e i palpiti del cuore umano.

La Dea Fortuna è stato girato in parte in Sicilia, in particolare a Bagheria, e si basa su un copione scritto dallo stesso Ozpetek insieme a Gianni Romoli (suo collaboratore per altri 8 film) e Silvia Ranfagni.

Le musiche del film sono di Pasquale Catalano e la fotografia di Gianfilippo Corticelli, che ha illuminato La finestra di fronte, Cuore Sacro, Saturno Contro, Allacciate le cinture, Rosso Istanbul e Napoli velata. Alla scenografia ha pensato Giulia Busnengo, i costumi sono di Alessandro Lai e Monica Gaetani e il montaggio di Pietro Morana.
Per capire chi o cosa sia la Dea Fortuna che dà il titolo al film, basta guardare il teaser trailer uscito a settembre e ascoltare cosa dice in apertura il personaggio di Jasmine Trinca: “La dea Fortuna è un segreto, un trucco magico. Come fai a tenere per sempre con te qualcuno a cui vuoi molto bene? Devi guardarlo fisso, prendi la sua immagine, chiudi di scatto gli occhi, li tieni ben chiusi. E lui ti scende fino al cuore e da quel momento quella persona sarà per sempre con te”.
La Dea Fortuna, però, fa riferimento anche al Santuario della Fortuna Primigenia che si trova a Roma e dove Annamaria lavora.
Completano il cast del film Barbara Alberti, Filippo Nigro (che ricordiamo anche ne Le fate ignoranti e La finestra di fronte) e Serra Yilmaz, vera e propria attrice-feticcio nonché portafortuna di Ferzan Ozpetek, che l'ha voluta in ben 7 film.

Redazione Nove da Firenze