​Parco di San Donato, una interrogazione al sindaco sulla manutenzione

Forza Italia: "Il Comune deve costringere la proprietà di questo grande spazio di verde pubblico alla necessaria manutenzione"


"Il Parco di San Donato a Novoli versa ormai da mesi in uno stato di degrado diffuso e pericoloso. Il Comune deve costringere la proprietà di questo grande spazio di verde pubblico alla necessaria manutenzione o si mette a rischio la sicurezza dell'intera area di Novoli dove sorge il Palagiustizia" la denuncia è del capogruppo di Forza Italia Jacopo Cellai, che sulla vicenda ha presentato un'interrogazione e realizzato un reportage fotografico insieme ai consiglieri al Q5 Guido Castelnuovo Tedesco e Michela Mannelli.

"Peraltro – aggiungono Cellai, Castelnuovo Tedesco e Mannelli – il parco è privo di illuminazione – pare a seguito dei furti di rame che si sono verificati in passato – tanto che nel periodo invernale già alle cinque del pomeriggio l’area è completamente buia. Inoltre, il terreno compreso fra via di Novoli e via Val di Pesa, che forma una specie di cuscinetto fra il parco ed il Palazzo di Giustizia e che si spinge fino a ridosso della sede della Regione Toscana, da anni è completamente incolto e vi si trovano in condizione di abbandono diversi macchinari ed attrezzature di lavoro. In questa 'terra di nessuno', specialmente in orario serale e notturno, la recinzione viene agevolmente violata con gli immaginabili rischi in termini di sicurezza e legalità, non ultimo la possibilità di sviluppo di roghi immediatamente a ridosso del Palagiustizia".

Per questi motivi, il capogruppo azzurro chiede nella sua interrogazione al sindaco di intervenire sulla proprietà per mettere in sicurezza l'area e ripristinare il decoro del parco pubblico.

Redazione Nove da Firenze