Ottocento anni del Misericordia e Dolce: annullo filatelico speciale di Poste Italiane

La Fondazione AMI ha realizzato tre cartoline con le immagini più significative della storia dello Spedale Misericordia e Dolce


 Il 26 novembre 2018 è una data simbolica che festeggia gli ottocento anni dello Spedale Misericordia e Dolce. Sarà ricordata attraverso un annullo filatelico speciale realizzato da Poste Italiane. Si tratta di una impronta storica ed indelebile per valorizzare questo importante evento.

In occasione del convegno “L’ospedale Misericordia e Dolce tra passato e futuro”, in programma proprio lunedì 26 novembre presso la Sala del Pellegrinaio Nuovo in piazza dell’ospedale sarà a disposizione uno sportello dedicato di Poste Italiane per richiedere l’annullo filatelico.

La Fondazione AMI ha realizzato tre cartoline con le immagini più significative della storia dello Spedale Misericordia e Dolce. Chi lo desidera potrà acquistare le cartoline ed un francobollo sul quale verrà apposto l’annullo filatelico.

Il ricavato sarà destinato a progetti per l’area materno infantile dell’AUSl Toscana centro nell’ambito della provincia di Prato.

Per chi lo desidera, Poste Italiane, per i due mesi successi all’evento, provvederà ad annullare con lo speciale bollo le lettere spedite dall’Ufficio Postale di via Arcivescovo Martini, 54 a Prato.

L’annullo sarà pubblicato sul sito di Poste e sulle riviste specializzate nelle aree dedicate. Sarà inoltre conservato negli archivi del museo storico di Poste Italiane del Ministero Sviluppo Economico-Comunicazioni – Roma.

INFO sul Convegno:

Il convegno, organizzato dalla USL Toscana centro e dalla Fondazione AMI, prevede due sessioni interamente dedicate al racconto della storia dell’Ospedale della Misericordia dal 1218 al 2018 ed al futuro dell’area occupata dall’ex ospedale che diverrà il Parco Centrale della città.

Gli interventi riguardano diversi aspetti: architettonici, artistici, urbanistici ecc.. con una proiezione verso il futuro e con l’auspicio che l’iniziativa sia l’avvio di un percorso di approfondimento.

L’ evento formativo è accreditato per architetti ed insegnanti ed è aperto a tutta la cittadinanza. La partecipazione è gratuita.

Il programma dei lavori ha inizio alle ore 9.00 e si conclude alle 12.30, tra i relatori: Veronica Vestri, archivista paleografo; Claudio Cerretelli, vicedirettore ufficio beni culturali della Diocesi di prato; Valerio Barberis assessore all'Urbanistica e Lavori pubblici Comune di Prato; Virginia Barni e Chiara Marcheschi della Soprindendenza archivista per la Toscana; Marco Geddes da Filicaia, medico e storico; Gianfranco Finzi, presidente Associazione Nazionale medici delle direzioni ospedaliere (ANMDO); Esther Diana, responsabileCentro di documentazione per la storia dell’assistenza e della sanità e Claudio Sarti, Presidente Fondazione AMI e direttore URP AUSl Tc, che hanno curato il coordinamento scientifico del convegno.

Eccezionalmente, lunedì 26 novembre nella Sala degli Spedalinghi in piazza dell’ ospedale,5 sarà esposto il documento originale che certifica la nascita dello Spedale della Misericordia.

Redazione Nove da Firenze