Nuovo Ponte tra Signa e Lastra: scatta la mobilitazione

Venerdì 13 dicembre nel pomeriggio manifestazione dei due Comuni (storico, insieme per la prima volta), accanto al Comitato per ribadire l’importanza dell’opera. Il ponte sull’Arno sarà chiuso al traffico dalle 16 alle 19


“Il ponte più difficile da attraversare è quello che separa le parole dai fatti”: sotto questo slogan venerdì 13 dicembre alle 16 manifesteranno insieme per la prima volta il Comune di Lastra a Signa, il Comune di Signa e il Comitato Nuovo Ponte per la Piana per richiedere che si arrivi in tempi brevi alla realizzazione di un nuovo ponte sull'Arno che alleggerisca il traffico sulla rete viaria dei due comuni migliorando la vivibilità dei territori. Un’opera strategica che rappresenti un importante collegamento fra la FiPiLi e la zona a Ovest di Firenze con la Piana e Prato, quindi fondamentale per tutta la Città Metropolitana di Firenze.

“Sarà una manifestazione di comunità – ha spiegato il sindaco di Lastra a Signa Angela Bagni - senza slogan politici né strumentalizzazioni: dopo tanti anni saremo insieme, le due amministrazioni e il comitato, con un unico scopo ovvero tenere alta l’attenzione su questa fondamentale opera che non riguarda solo i nostri territori ma che ha ripercussioni sull’intera Città Metropolitana di Firenze. Sappiamo che la progettazione regionale sta andando avanti, siamo in continuo e stretto collegamento con gli uffici tecnici e sarà nostro compito vigilare sui vari passaggi e step del progetto”.
“Il nostro obiettivo – ha sottolineato il sindaco di Signa Giampiero Fossi - sarà portare a manifestare 1000 persone: si tratta di un’iniziativa in cui i due Comuni sono fortemente uniti e per la quale, per prima volta, stanno stanno lavorando insieme e dove il Comitato ha avuto un ruolo fondamentale. Vogliamo saldamente affermare l’importanza di un nuovo ponte a servizio di tutta la Città Metropolitana e non ci fermeremo qui: nei prossimi mesi promuoveremo altre iniziative sul tema come un consiglio comunale straordinario aperto e congiunto fra i due Comuni”.
“Questa manifestazione sarà una possibilità per tutti i cittadini – ha aggiunto Manuela Palchetti del Comitato Nuovo Ponte per la Piana- di far sentire la loro voce in maniera unitaria e incisiva. Come Comitato siamo attivi da 2 anni e abbiamo già promosso due presidi e la protesta dei lenzuoli che ci ha portato anche alla ribalta delle cronache nazionali. Il nuovo ponte servirebbe a risolvere il problema della viabilità, con 25.000 veicoli che quotidianamente transitano sull’attuale e unico ponte tra Signa e Lastra, e per il quale sono già stati spesi soldi pubblici: l’opera non è più rimandabile”.
La manifestazione partirà alle 16 con ritrovo davanti ai comuni di Lastra a Signa e Signa, da qui si formeranno due cortei che sfileranno per congiungersi sul ponte sull’Arno.
Dal Comune di Lastra a Signa il corteo si snoderà per via Dante Alighieri, via il Prato, via di Sotto, via De Amicis.
Dal Comune di Signa il corteo passerà per piazza della Repubblica, via Mazzini, piazza Cavour, via Verdi, via di Porto, via Fratelli Rosselli, via Bruno Buozzi, via Leonardo da Vinci, piazza Stazione, sottopasso della stazione ferroviaria, via delle Terrecotte, via Don Giovanni Minzoni, via della Manifattura, via dello Stadio.
Per permettere lo svolgimento della manifestazione il ponte sull'Arno sarà chiuso al traffico dalle ore 16 alle 19, mentre le strade interessate dal percorso della manifestazione saranno chiuse solo il tempo necessario per il passaggio del corteo.
Per coordinare l’organizzazione e il corretto svolgimento della manifestazione saranno impegnate associazioni di Protezione Civile, associazioni di volontariato e polizia municipale dei due Comuni.
Alla manifestazione sono stati invitati a partecipare altri sindaci dei comuni della cintura fiorentina ed ha già confermato la sua adesione il sindaco di Scandicci, nonché consigliere metropolitano con delega alla viabilità Sandro Fallani.

Redazione Nove da Firenze