Nuovo aeroporto: solo un atto dovuto?

La sospensione del decreto della Conferenza dei Servizi


Per Nardella e Toscana aeroporti la ” sospensione” dell’autorizzazione alla nuova pista dell’aeroporto di Firenze, da parte del Ministero dei Trasporti e delle infrastrutture è un semplice ” atto dovuto”, in attesa che si pronunci il Consiglio di Stato. Persino il ministro Toninelli definisce “atto dovuto” la sospensione della precedente autorizzazione alla ristrutturazione dell’aeroporto.

La procedura avviata giovedì dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per l’adozione del provvedimento di sospensione del decreto direttoriale con il quale era stata ratificata la conclusione della Conferenza dei Servizi sull’aeroporto di Firenze, segue la recente sentenza del TAR della Toscana che ha annullato il decreto di compatibilità ambientale (VIA). Il procedimento viene dunque sospeso in attesa della definizione del contenzioso che potrà sciogliere la sentenza del Consiglio di Stato al quale Toscana Aeroporti, insieme ad altri enti istituzionali, ha fatto ricorso.

Redazione Nove da Firenze