Nuove testimonial per la Festa dell'unicorno

Si è concluso il concorso che ha decretato i due nuovi volti della kermesse vinciana


Anche quest’anno il concorso F.U.O.Co è giunto alla sua conclusione e la Festa dell’Unicorno ha ufficialmente i suoi nuovi testimonial. Oltre 4.000 gli iscritti che hanno avuto la possibilità di votare nella prima fase del concorso. I vincitori sono stati decretati da una giuria appositamente scelta, a cui è stato affidato il compito di selezionare, tra i venti costumi più votati on-line, i dieci che meglio rappresentassero lo spirito e l’anima della kermesse.

I primi due classificati, avranno adesso l’onore di rappresentare la Festa dell’Unicorno, diventando i volti di punta per tutto il materiale promozionale che verrà creato e divulgato nei prossimi mesi.

Al primo posto si è classificata Alice Berria con l’Alto Elfo Guerriero Arciere e al secondo posto Veronica Stima con la sua Valkiria.

Alice è nata a Livorno e attualmente risiede a Firenze. E’ impiegata in un’azienda privata e si occupa della gestione della rete vendite. E’ appassionata di arte, disegno libri, fumetti e videogames.

Veronica è nata a Furci Siculo (Messina) ed è residente a Castel Maggiore (BO). Lavora come costumista e sarta nei mesi invernali e guida subacquea nei mesi estivi.

E’ amante degli animali ed è appassionata di cucina, ricamo e gaming, film, serie TV, libri sulla mitologia greca, norrena e fantasy.

Il set fotografico in cui saranno protagoniste le due testimonial sarà realizzato a Vinci nel mese di marzo.

Intanto la Festa dell’Unicorno è stata ospitata a Milano durante la BIT (Borsa Internazionale del Turismo) allo stand di Toscana Promozione. I cosplayer presenti all’interno della fiera hanno riscosso un notevole successo, tra operatori turistici e visitatori che non hanno rinunciato a scattarsi foto con i personaggi rappresentati, in attesa di poter visitare Vinci il 24-25-26 luglio durante i giorni del festival che si preannuncia anche quest’anno ricco di spettacoli ed attrazioni a tema fantasy.

Redazione Nove da Firenze