N.I.C.E a Strasburgo dal 23 al 2 6 maggio 2019

N.I.C.E. Il festival di qualità che ben rappresenta l’Italia all’estero e che svolge da anni la funzione di promozione del cinema italiano. in collaborazione con l'Istituto Italiano di Cultura di Strasburgo e con il direttore del cinema Odyssée, presenta nella città francese una scelta di opere prime di giovani autori italiani.


Ogni anno Il direttore del cinema Odyssée di Strasburgo programma proiezioni di film italiani che vanno sotto la definizione di “incontri con il cinema italiano” e consentono di vedere o rivedere i grandi classici e le migliori produzioni dell'ultimo decennio. In occasione di quest’appuntamento

annuale, dal 22/5 al 18/6/2019, insieme alla direttrice dell'Istituto Italiano di Cultura Veronica Manson, il progetto Fare Cinema patrocinato dal Ministero Affari Esteri e organizzato in collaborazione con il Festival N.I.C.E. (New Italian Cinema Events / Premio Città di Firenze), presenta una selezione di nuovi autori italiani.

In quest’ambito, il N.I.C.E. nella serata inaugurale degli ”Incontri”(23 Maggio 2019) presenterà le opere prime di giovani autori: quattro lungometraggi/fiction e un documentario/cortometraggio che tratteranno temi dei nostri giorni: l'instabilità dell'amore, la difficoltà del vivere nella società odierna e in generale le speranze e le debolezze umane.

la selezione : Finché c'è Prosecco c'è speranza di Antonio Padovan

Easy-un viaggio facile facile di Andrea Magnani

Hotel Gagarin di Simone Spada

Quanto basta di Francesco Falaschi

Tutto il mondo piano piano di Gianmarco D'Agostino

La serata speciale per l'apertura del festival avrà luogo giovedì 23 Maggio al Cinema Odyssée alla presenza di Viviana del Bianco, direttrice del festival, di M. Grazia Santini, cofondatrice del N.I.C.E. (New Italian Cinema Events),

Gianmarco D'Agostino regista del cortometraggio Tutto il mondo piano piano, Andrea Magnani del film/fiction Easy-un viaggio facile facile e tra gli ospiti anche lo sceneggiatore di Hotel Gagarin , Lorenzo Rossi Espagnet.

Redazione Nove da Firenze