Moby Prince: domani a Livorno le cerimonie commemorative

Per il 26° anniversario della strage


Lunedì 10 aprile si svolgeranno le cerimonie commemorative per ricordare la tragedia del traghetto Moby Prince in cui 26 anni fa, al largo di Livorno, morirono per un incendio 140 persone. Come di consuetudine, nell'arco della giornata, si svolgerà una serie di appuntamenti promossi dalla Regione Toscana, dal Comune di Livorno, dalla Provincia di Livorno e dall'Associazione familiari delle vittime del Moby Prince. Le iniziative sono state presentate questa mattina nel corso di una conferenza stampa a Palazzo comunale dove sono intervenuti l'assessore alla Cultura Francesco Belais e il presidente dell'Associazione 140 Vittime del Moby Prince, Loris Rispoli. Questo il programma:

ore 11 – Fortezza Nuova: deposizione della corona presso il Monumento in ricordo delle vittime e inaugurazione del Giardino della Memoria.

ore 12 – Cattedrale: funzione religiosa presieduta dal vescovo di Livorno
ore 15 – Palazzo Civico, Sala Consiliare: saluto del sindaco alle autorità e ai familiari delle vittime
ore 17 - Corteo da Piazza del Municipio al Porto (percorso: viale Avvalorati, piazza della Repubblica, via Grande, Porto Mediceo)
ore 17.45 – Andana degli Anelli: deposizione del cuscino di rose del Presidente della Repubblica e corona di alloro alla lapide commemorativa, lettura dei nomi delle vittime e lancio delle rose in mare.Sarà presente agli appuntamenti (a partire dalle ore 12) anche il presidente della commissione d'inchiesta Silvio Lai.

In Fortezza Nuova sarà collocata una targa al Monumento “Koningin Juliana”, opera di Federico Cavallini a memoria delle vittime. La targa, realizzata dal Lions Club Satellite Livorno Meloria insieme al Lions Club Livorno Porto Mediceo, riporterà quattro date significative : 1968 (varo della Koningin Juliana, la nave olandese che poi venne acquistata dalla Navarma e trasformata in Moby Prince), 1991 (anno della tragedia), 1998 (anno del trasferimento del Moby in Turchia per la rottamazione) e 2011 (anno della realizzazione dell'opera).Nei pressi del monumento sarà inaugurato il Giardino della Memoria, un'aiuola quadrata, realizzata con blocchetti di tufo, dove saranno piantate 140 piantine di gerani bianchi, tante quante sono state le vittime della tragedia. Per l'occasione saranno predisposti 140 cartellini, ognuno con il nome di una vittima, che potranno essere abbinati alle piantine.Per la cerimonia delle ore 15 in sala consiliare, secondo le nuove modalità di accesso alla sala, è prevista la presenza di un numero massimo di cento persone; ovviamente sarà data la precedenza ai familiari delle vittime e alle autorità. Il saluto del sindaco sarà trasmesso in diretta streaming e sarà possibile seguirlo anche in sala delle cerimonie (capienza massima 40 persone) dove sarà posizionato un apposito schermo.

"Continuiamo a chiedere che su come si sono svolti i fatti e sulle responsabilità si arrivi alla verità. I familiari hanno chiesto che la Commissione di inchiesta parlamentare, istituita nel 2015, arrivi quanto prima alle conclusioni del suo lavoro di indagine. Verità, è quello che serve in questo 26esimo anniversario" ha dichiarato la senatrice di Sinistra Italiana Alessia Petraglia annunciando la sua partecipazione alla manifestazione.

Redazione Nove da Firenze