Mille Miglia: la corsa ha escluso la provincia di Siena dalla prossima edizione

L’edizione 2021 taglia fuori lo storico tratto di San Quirico d’Orcia. Il sindaco Maramai: «Scelta che ci lascia interdetti». Antico ed indissolubile il legame: dai Ponti, alla statua di Nuvolari agli sbandieratori del Barbarossa ospiti alla partenza di Brescia


San Quirico d’Orcia, 19 novembre 2020- L’edizione 2021 non andrebbe chiamata Mille Miglia. Nel nuovo percorso del prossimo anno della storica corsa Brescia-Roma-Brescia, svelato dall’organizzazione, è stata completamente tagliata fuori la provincia di Siena. Infatti partendo sempre dalla cittadina lombarda, le auto storiche raggiungeranno Viareggio, quindi percorrendo la costa tirrenica toscana arriveranno a Roma, per poi risalire passando per Orvieto, Arezzo, Bologna, Verona e appunto Brescia. Insomma le leggendarie curve della Cassia che fin dalle prime edizioni hanno fatto grande la corsa automobilistica e visto i più grandi piloti, nel 2021 non toccheranno San Quirico d’Orcia, ed uno dei tratti più suggestivi ed amati dal pubblico e dagli stessi protagonisti della corsa, come quello che va da Radicofani e arriva a Siena in Piazza del Campo. San Quirico è stato in passato uno dei tratti in cui, quando la corsa era agonistica, venivano decisi gli esiti della gara. Ha intitolato i ponti cittadini proprio alle Mille Miglia, ed ha installato una statua dedicata a Tazio Nuvolari offerta da un gruppo di appassionati. Senza ricordare i tanti filmati in bianco e nero e le immagini che ritraggono San Quirico al passaggio delle automobili. Anche l’attuale immagine nella pagina ufficiale delle Mille Miglia, immortala un paesaggio fra San Quirico e Torrenieri.

«La nostra è sia una provocazione sia una constatazione – sottolinea il sindaco di San Quirico d’Orcia, Danilo Maramai -, ovviamente l’organizzazione delle Mille Miglia, essendo privata, ha tutto il diritto di fare scelte di questo tipo e di modificare lo storico percorso della corsa. Il legame della nostra cittadina con quello che la corsa rappresenta resta solido nel tempo, ma non possiamo non evidenziare che questa scelta di tagliare fuori il nostro territorio ci lascia perlomeno interdetti e non ci trova d’accordo».

Senza dimenticare la partecipazione del Corteo storico Festa del Barbarossa, a metà degli anni Novanta, alla partenza di Brescia con le esibizioni in piazza della Loggia degli sbandieratori dei Quartieri sanquirichesi. Insomma fra San Quirico d‘Orcia e le Mille Miglia un legame indissolubile, ma non nel 2021.

Redazione Nove da Firenze