Rubrica — Mostre

Metal detector a transito anche all’ingresso del Campanile di Giotto

Oltre quelli già posizionati agli ingressi del Duomo di Firenze


Anche all’ingresso del Campanile di Giotto sarà installato un metal detector a “transito”. Da lunedì 14 maggio inizieranno i lavori di montaggio e taratura. Con quest’ultimo dispositivo, l’Opera di Santa Maria del Fiore dota tutti gli ingressi dei monumenti del Duomo di Firenze di metal detector a “transito” per rendere più efficaci i controlli di sicurezza e ridurre i tempi di attesa. In totale sono otto i metal detector posizionati agli ingressi del Duomo di Firenze, del Battistero e del Museo dell’Opera del Duomo. Si tratta di dispositivi di ultimissima generazione, impiegati negli aeroporti internazionali di tutto il mondo per il controllo delle persone in transito, capaci di identificare gli oggetti personali e di consentire il passaggio, abbattendo il numero di allarmi indesiderati.

Allo stesso momento, per permettere l’installazione di questo nuovo metal detector, sarà necessario cambiare l’allestimento della biglietteria del Campanile che rimarrà chiusa al pubblico fino al 10 luglio, mentre l’accesso al monumento è garantito normalmente. Continueranno a funzionare in modo regolare le biglietterie al Museo dell’Opera del Duomo e al Centro Arte e Cultura dell’Opera.

Redazione Nove da Firenze