Memoria: una giornata per celebrare Gino Bartali

Lo chiede una mozione, approvata all’unanimità, presentata da Marco Stella (Fi) ed emendata da Andrea Vannucci (Pd) e Marco Casucci (Lega)


Firenze – Commemorare il grande campione Gino Bartali con una serie di iniziative, tra cui una giornata completamente a lui dedicata. Lo chiede una mozione, che è stata approvata mercoledì mattina dal Consiglio regionale con voto favorevole all’unanimità.

L’atto è stato presentato da Marco Stella (Fi) e arricchito da emendamenti, che vedono come primi firmatari Andrea Vannucci (Pd) e Marco Casucci (Lega).

 "La Toscana ricordi Gino Bartali con una serie di iniziative culturali, espositive, storiche e sportive, nel ricordo di un campione di sport e di umanità di grande valore etico e morale. Un vero modello per tutti noi e per i giovani, che ha reso ancora più grande la Toscana, e che deve essere ricordato in maniera ufficiale ogni anno nella terra che gli ha dato i natali, e in cui è vissuto". E' quanto prevede una mozione a prima firma del capogruppo di Forza Italia al Consiglio regionale della Toscana, Marco Stella, che propone alla Regione Toscana di "stabilire una giornata all’anno completamente dedicata, con eventi e attività varie, al ricordo di un grande uomo e un grande sportivo".

"Gino Bartali non è stato soltanto un campione indiscusso di ciclismo, vincitore di tre Giri d'Italia e due Tour de France, oltre a numerose altre gare - ricorda Stella -. E' stato un grande campione nella vita, un uomo coraggioso che ha salvato 800 ebrei durante la Seconda Guerra Mondiale, nascondendo documenti falsificati e fototessere nei tubi del telaio della bicicletta, documenti che avrebbero permesso la fuga all'estero di quanti rischiavano di finire nei campi di concentramento. Per questi meriti è stato insignito da Israele del titolo di Giusto tra Nazioni. Siamo contenti per questa votazione unanime, ora chiediamo alla Regione di organizzare, confrontandosi con il Consiglio, e calendarizzare le opportune iniziative".

L’atto impegna dunque la Giunta regionale affinché si adoperi a commemorare Bartali con una serie di iniziative culturali, espositive, storiche e sportive, “nel ricordo di un campione di sport e di umanità e di grande valore etico e morale, anche con il coinvolgimento dei comuni di Cortona, Firenze e Bagno a Ripoli ed eventualmente di ogni altro comune interessato a partecipare al calendario delle iniziative”; prevede inoltre che si stabilisca una giornata ogni anno completamente dedicata – con eventi e attività varie – al ricordo “di un grande uomo e di un grande sportivo”. Inoltre impegna la Giunta ad attivarsi nei confronti del Governo e del Parlamento per giungere all’istituzione di una giornata nazionale del “padri della Repubblica” in cui vengano celebrate le figure e le imprese di Gino Bartali e Fausto Coppi, protagonisti di “un’epoca sociale e sportiva estremamente difficile per l’Italia, che ha coinciso con la ricostruzione del paese, dopo le tragedie della seconda guerra mondiale”.

Andrea Vannucci ha affermato, illustrando il suo emendamento, che “è opportuno pensare a un’iniziativa di tipo nazionale, accoppiando le figure di Bartali e Coppi, che raccontano un pezzo di Italia e possono insegnare ai giovani quali sono i valori sportivi e umani a cui fare riferimento”. Marco Casucci, presentando il suo emendamento, ha sottolineato come “Cortona e Terontola siano molto legate alla figura di Bartali”. “Dobbiamo portare avanti la sua memoria – ha detto – e nel farlo è importante coinvolgere le amministrazioni locali e creare una sinergia”.

Anche Maurizio Sguanci (Iv) ha ricordato come “la figura di Bartali sia molto importante per Firenze, per la Toscana e per tutta l’Italia, vista la sua levatura come sportivo ma soprattutto come uomo”.

Redazione Nove da Firenze