Protesta per la liberazione di Alexey Navalny

Questa mattina +Europa Firenze e Radicali hanno manifestato a Firenze davanti al Consolato onorario russo per chiedere la liberazione del dissidente: “Chiediamo democrazia, giustizia e libertà per il popolo russo”


Firenze, 31 gennaio 2021 - Questa mattina +Europa Firenze e Radicali Firenze hanno manifestato davanti al Consolato onorario russo di Firenze per chiedere la liberazione del dissidente Alexey Navalny. Il presidio si è tenuto in concomitanza con le manifestazioni organizzate in molte città russe contro l’autoritarismo di Vladimir Putin e in difesa della democrazia.

"Nonostante la brutale repressione delle mobilitazioni della settimana scorsa, con oltre tremila manifestanti arrestati, oggi i russi sono scesi di nuovo in piazza. Questa mattina la polizia russa ha arrestato, in 35 città del paese, già 519 attivisti che partecipavano alle proteste su tutto il territorio nazionale per chiedere la liberazione dell'oppositore, e rivale numero uno di Putin, Alexei Navalny. -spiegano da +Europa Firenze e Radicali Firenze- Il coraggio di questi manifestanti – stanchi del cronico malgoverno, della cattiva gestione economica putiniana e delle costanti violazioni della libertà di parola e di assemblea – ci impone di sostenerli".

Davide Bacarella, coordinatore di +Europa Firenze, e Ramon Rosi, segretario di Radicali Firenze, hanno inviato una lettera al console onorario di Firenze, in cui si esprime preoccupazione per le reiterate violazioni dei diritti umani in Russia e per i numerosi arresti tra chi in queste ore sta manifestando per chiedere giustizia e libertà in Russia. Arrestare un leader dell’opposizione, i suoi collaboratori e reprimere manifestazioni con la brutalità vista lo scorso weekend, è inaccettabile, come ha già detto anche Josep Borrell, Alto rappresentante dell'Unione Europea per gli affari esteri e la politica di sicurezza.

Redazione Nove da Firenze