Lotta alla droga: a Firenze Nardella lancia una campagna senza precedenti

L'annuncio stamani a Lady Radio: saranno coinvolti volontariato, asl, forze dell'ordine, scuole e famiglie. "C'è un ritorno dell'eroina che mi preoccupa molto". Più severità sulla pulizia delle strade e impegno come Città metropolitana per contenere la diffusione dei cinghiali


(DIRE) Firenze, 23 ott. - "Il problema è serio in tutta Italia. Riguarda l'abuso di alcol, ma soprattutto delle droghe". A Firenze quindi "lanceremo una campagna senza precedenti rivolta ai giovani per far capire che la vita non è uno scherzo". Lo annuncia a Lady Radio il sindaco Dario Nardella, commentando la tragica morte in una discoteca nel comune di Vinci (Firenze) di una ragazza di 19 anni. "Farò la mia parte lanciando questa campagna. Ne ho parlato con l'assessore Vannucci per coinvolgere tutti i soggetti possibili: volontariato, asl, forze dell'ordine, scuole e famiglie". Perché "questa è una delle cose su cui tutta la città deve fare quadrato. Non è accettabile, infatti, che la vita si spezzi per l'abuso di droghe", aggiunge. 

In questa fase, conclude sull'argomento, "c'è un ritorno dell'eroina che mi sta preoccupando molto: con pochi soldi si compra una dose. E' un fatto gravissimo e sono davvero sorpreso della disattenzione che c'è a livello nazionale".

Per quanto riguarda "parcheggi blu gratis per i residenti" in tutti i quartieri di Firenze, "confermo la misura", dice il sindaco. Parallelamente "saremo ancora più severi sulla pulizia delle strade. Ci sono molte persone corrette, che tolgono la macchina la sera, però tante auto restano e le strade si puliscono male". Quindi "potenzieremo tutto il meccanismo di rimozione", visto che "non abbiamo sufficienti carro attrezzi". 

Sul fronte invalidi, il primo cittadino conferma il sistema a sensori da installare negli stalli dedicati capaci di dialogare con le auto con regolare permesso e segnalare ai vigili quelle sprovviste di autorizzazione alla sosta: "Il progetto ha preso corpo, perché l'ufficio mobilità lo sta elaborando".

Infine, un annuncio da sindaco della Città Metropolitana: "Stiamo seguendo con la massima attenzione" la questione ungulati, "tuttavia la competenza è della Regione Toscana, che sto sollecitando da moltissimo tempo ad intervenire". Come Città metropolitana "stiamo sollecitando modifiche alla legge regionale per consentire modalità più semplici e spedite per ridurre gli ungulati nelle aree prossime alle zone urbane. Gli uffici stanno seguendo questa partita, perché dobbiamo assolutamente contenere la pressione che arriva dagli ungulati non solo per l'incolumità delle persone" visto il rischio di incidenti stradali, "ma anche per tutelare le poche ma importanti aziende agricole che abbiamo", conclude Nardella.

Redazione Nove da Firenze