Lo strano caso Libertà: cittadini in attesa, dalla gioia all'apprensione

Il cantiere deserto suscita perplessità in vista dell'estate


Non solo il Parterre, ma anche piazza della Libertà sono luoghi simbolo dell'estate fiorentina. "Senza dover arrivare in periferia - borbottano i residenti della zona - sarebbe bastato poco a restituire dignità a questa rotatoria" sulla quale però sono presenti antiche porte, archi di trionfo e vasche monumentali.
La speranza che il cantiere possa concludersi resta, ma l'assenza di operai preoccupa.

In autunno la partenza dei cantieri ha fatto ben sperare ed i sorrisi si sono moltiplicati tanto da far persino accogliere con serenità il futuro passaggio della Tramvia, ovvero il volano per il prolungamento verso il Centro Storico, Campo di Marte e Firenze Sud.
Non solo. La prospettiva di migliorare gli attraversamenti presenti sulla piazza ha fatto spendere un plauso verso l'amministrazione che per prima, dopo anni di richieste, sembra aver colto la necessità di mettere in sicurezza un'area che si sente ancora orfana della passerella sopraelevata del viale Matteotti.

"I lavori dureranno quattro mesi per un investimento complessivo di 350mila euro" questa la promessa.
A gennaio la pavimentazione perimetrale è stata completata consentendo di utilizzare nuovamente la rotonda per attraversare la piazza, ma nulla di più è stato fatto.

Oltre la recinzione i materiali sono semplicemente accatastati e sulla cartellonistica non ci sono indicazioni utili salvo una proroga segnata con la biro blu (sbiadita) e recante la scadenza di fine aprile 2018.

Redazione Nove da Firenze